L'Arte Urbana di nuovo protagonista a Marina di Ragusa

L'Arte Urbana di nuovo protagonista a Marina di Ragusa

Al Met si è svolta l’estemporanea d’arte #Met2b edizione 2018, per ridare attenzione alle immagini del reale

40 cubi di legno vuoti al loro interno, a rappresentare i pixel "esplosi" di questa nostra società ad alta definizione, dominata dagli schermi in full hd delle televisioni e degli smartphone che ormai tutti abbiamo, trasformati in opere d'arte da altrettanti artisti che con la loro immaginazione e creatività li hanno arricchiti e reinterpretati.

Gli artisti partecipanti all'estemporanea #Met2b a Marina di Ragusa - ph. Rossana Bergamasco

Domenica scorsa, il tradizionale appuntamento con il progetto d'arte urbana #Met2b e l'estemporanea d'arte in piazza Torre a Marina di Ragusa, iniziativa del Met che rende la sua parete esterna una vera e propria galleria d'arte in verticale.

Un'artista mentre lavora al suo "pixel" durante l'estemporanea #Met2b a Marina di Ragusa - ph. Rossana Bergamasco

La contaminazione di arti e materiali caratterizza questa manifestazione che anno dopo anno è ormai diventata un must per tutta Marina di Ragusa. Smerigliatrici, carta gommata, avvitatori, chiodi, martelli e tanto altro già alle 10 di mattina la facevano da padrona per reinterpretare l'installazione d'arte che è stata allestita al Met già agli inizi dell'estate, con la direzione artistica di Danilo Dimartino ed Elisa Muccio, su input di Thomas Battaglia, e che ha previsto la creazione di uno schermo gigante creato da pixel contigui a cura di Pixel Shapes con l'obiettivo di ridurre al massimo al risoluzione e dunque invogliare a guardare la realtà con i proprio occhi e non tramite display o tv.

Insomma decontestualizzare l'alta definizione in cui siamo tutti immersi per ritornare ad osservare il reale, la nostra vita e ciò che ci circonda. Un messaggio profondo veicolato dai colori e dall'arte.

L'installazione dei "pixel" del progetto #Met2b nella parete del Met di Marina di Ragusa - ph. Rossana Bergamasco

Ogni creativo ha assegnato alla propria opera un titolo, un'idea che trasporta con sé un significato spesso profondo. Non è mancato chi ha deciso di dedicare il proprio "pixel" alla tragedia che si sta vivendo troppo spesso nel Mediterraneo o chi invece, lasciandosi ispirare dalla forma geometrica e dai colori, ha scelto argomenti più leggeri.

Molti invece hanno preferito approfondire il messaggio del pixel come conquista positiva o negativa delle nuove generazioni e non sono mancati i rimandi al passato dove gli schermi non erano ancora protagonisti.

L'installazione dei "pixel" del progetto #Met2b nella parete del Met di Marina di Ragusa - ph. Rossana Bergamasco

Messaggi diversi ma che tutti insieme ridanno forma al concetto iniziale del #Met2b 2018, staccarci per un attimo dagli schermi, oggetti ormai diventati indispensabili per tutti noi, per ritornare a vedere con i propri occhi e con il "filtro del reale" ciò che ci circonda e ancora più importante, ciò che facciamo. Riuscire a tornare a dare importanza alle piccole cose che anche se vicine a noi troppo spesso dimentichiamo, i piccoli gesti che ci fanno sentire vivi.

La parete di "pixel" artistici del progetto #Met2b a Marina di Ragusa - ph. Rossana Bergamasco

Centinaia di bagnanti domenicali hanno curiosato avvicinandosi per osservare l'estemporanea d'arte. Lo spettacolo finale è di impatto per tutti, con la parete esterna divenuta un "muro vivo" a due passi dal mare.

Le 40 opere resteranno in bella mostra per un mese prima di essere messi all'asta giorno 26 agosto quando si conosceranno anche sia il vincitore che le menzioni speciali da parte della giuria presieduta dal maestro Carmelo Candiano, oltre al premio social che spetterà all'artista la cui opera risulterà la più votata sui vari social network ufficiali della manifestazione.

[Foto di Rossana Bergamasco]

www.metsicilia.it

31 luglio 2018
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Aziende consigliate