Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'Epifania tutte le feste si porta via, ma lo stress per gli alberi, addobbati e maltrattati, resta

Il 90% degli abeti addobbati nelle feste natalizie fanno, purtroppo, una brutta fine

Contenuti Sponsorizzati
Siamo oramai alla fine delle festività, ma anche l'albero più resistente alla fine dovrà arrendersi allo stress da feste natalizie.
Il 90% degli abeti che ogni anno fanno la loro bella figura nelle case italiane non sopravvivono alla prova addobbo, anche se appartengono alla categoria degli autorizzati, cioè muniti della certificazione dei vivai, e non degli illegali.

Addobbi troppo pesanti, stress per le temperature elevate e aria secca per colpa dei termosifoni, terricci inadatti: ecco le minacce dirette che attentano alla vita degli alberi di Natale che si trovano, a fine lotteria, a dover combattere anche contro il rischio avvelenamento causato dall'uso di neve artificiale e bombolette d'oro e d'argento che intaccano la superficie dei rami e delle foglie. L'ottima qualità, inoltre, non fornisce maggiori garanzie di rivedere lo stesso albero per il prossimo Natale.

''Ripiantarli a feste concluse è un'operazione a rischio di fallimento - afferma il Corpo Forestale dello Stato - gli abeti hanno bisogno di una determinata altitudine, oltre i 1000 metri e di zone fitoclimatiche particolari: piantarli nel giardino di casa o sul terrazzo potrebbe provocare un'inutile sofferenza a queste piante già stressate dal caldo, dagli addobbi e dalla mancanza di luce''.

Dietro l'angolo anche il rischio contaminazione genetica. Per il dopo Natale ''occorre controllare la specie della pianta - consiglia il Cfs - visto che molti abeti, soprattutto i più economici, vengono importati dal nord e dall'est dell'Europa. L'improbabile operazione di recupero dell'abete potrebbe provocare una sorta di inquinamento genetico danneggiando nel lungo periodo le specie autoctone''.

In molti comuni, soprattutto quelli del nord o delle aree montuose, dopo le feste si organizza il recupero delle piante, impresa quasi disperata visto che le piante sono praticamente morte. Difficile anche l'individuazione delle aree idonee per la forestazione che i comuni mettono a disposizione.

Fonte: Ansa Ambiente

5 gennaio 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Promo 2° Occhiale

Promo 2° Occhiale

sempre attiva
Cambia le porte e le paghi la metà

Cambia le porte e le paghi la metà

Offerta valida fino al 31/07/2021
Lavabo da appoggio

Lavabo da appoggio

Offerta valida dal 01/01/2021 al 31/12/2021
Gift Card

Gift Card

Offerta valida

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE