Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'incubo di Berlusconi. Berlusconi, un incubo

Continuano gli show del Cavaliere: una domenica a tutto campo quella di Silvio Berlusconi

Contenuti Sponsorizzati
Costume Intero Donna JAKED J01

Costume Intero Donna JAKED J01

17,45 € 34,90 €
Imballaggio
Fioriera alta  Nino Parrucca smerlata
PNT_D

"Sono ritornato in campo per ritornare alla vittoria. Noi puntiamo alla vittoria e credo che sia alla nostra portata". Una domenica a tutto campo per Silvio Berlusconi, prima di tutto a 'L'Intervista della domenica' su Tgcom24.
"Dove vogliamo arrivare? A vincere per poter completare la rivoluzione liberale che da sempre indico come traguardo ai nostri elettori. Puntiamo al 40% in modo che con l'attuale legge elettorale avremmo il 55% dei voti alla Camera dei deputati".
E "abbiamo in mente un grande rinnovamento. Gli ex An in totale amicizia si stanno avviando a una nuova formazione politica che resterà nei moderati e che condividerà con noi i voti. Dall'altra - annuncia - ci sarà un'immagine che ritornerà di più a Forza Italia".

"L'ultimo governo è stato messo in difficoltà dai piccoli partiti che stavano con noi e che a noi erano necessari per essere maggioranza. Questo è un grande problema della vita politica italiana, è un cancro della politica. Gli italiani frazionano molto il voto. Questi piccoli partiti non agiscono volti all'interesse generale, ma solo al loro interesse personale che poi non è altro che l'ambizione dei loro piccolissimi leader" ha continuato il Cavaliere. "Gli italiani - ha ribadito - non devono sprecare il loro voto sui piccoli partiti".
Per quanto riguarda il Partito democratico, "ultimamente, quando il Pd ha avuto in Renzi la possibilità dell'introduzione della novità e, come io ho sperato, di trasformare il Pd in partito socialdemocratico, si è visto invece prevalere i vecchi protagonisti e oggi ci troviamo di fronte Bersani, un vecchio boiardo del Pci".

Poi ha attaccato alcuni degli ex alleati. "E' facile tradire Berlusconi. Io vengo dal mondo dell'impresa e dello sport, mondi nei quali è difficile avere successo se non si sa fare squadra. Una cosa impossibile da addossarmi - ha detto - è quella di non saper fare squadra. Io non so dare ordini, ma so convincere. Con Bossi abbiamo avuto una collaborazione leale. Con Tremonti abbiamo avuto grandi divergenze ma sempre con un comportamento corretto. Casini e Fini sono le persone peggiori che ho incontrato nella mia vita. Sono traditori non miei, ma di chi li ha eletti". "Sul tradimento di Fini - ha continuato - la ragione è ancora oscura. Casini mi ha sempre detto che sarebbe tornato davanti a un mio passo indietro. Io ne ho fatti tre ma è sempre rimasto là vicino alla sinistra e quindi ho dovuto ripresentarmi, facendo un grande sacrificio e abbandonando una prospettiva che prevedeva la costruzione di ospedali per bambini, occuparmi dell'università della libertà e pensare al Milan".
"E' stato un sacrificio - ha aggiunto - tornare al centro della politica politicante. Avevo nominato Alfano e so che diverrà un grande protagonista, ma i sondaggi hanno dimostrato che si è troppo legati alla mia immagine". Infine Berlusconi ha rilanciato l'appello: "Cambiamo la Costituzione per poter realizzare un'Italia meno povera a cui tutti aspiriamo".

Sul fronte europeo, invece, "non ho mai fatto critiche infondate alla signora Merkel, l'ho contrastata ed è per questo che sono caduto in un'area di non simpatia nei confronti suoi e di Sarkozy. Io rappresentavo e difendevo il mio Paese esprimendo giudizi negativi su proposte della Germania e di altri Paesi del Nord. Le proposte di austerità, avevo chiarissimo che erano proposte - che se applicate - ci avrebbero portato alla recessione. Avevo con me quasi tutti i Nobel per l'economia in tal senso" ha detto Berlusconi. "Quando si applica a un'economia già in difficoltà una politica di austerità si diminuisce il Pil e un aumento del debito. E se queste imposizione vengono applicate da governi di questi Paesi, non si rischia solo la recessione ma anche la guerra civile, ed è quello che è quasi successo in Grecia. Mi sono opposto quindi ai compiti in casa per la Grecia - ha sottolineato - e mi sono opposto alla Tobin tax, ho detto di no al fiscal compact mettendo il veto dell'Italia e in una riunione ho sostenuto gli interessi dell'Italia".
"Io mi offendo se mi si da' dell'antieuropeo. Io sono convinto che ci vuole più Europa unita, politicamente, sulle politiche monetarie e anche sulla difesa. Diverremmo una grande potenza militare - ha affermato il Cavaliere - paragonabile agli americani o ai russi. Bisogna pensare a un'Europa diversa da quella di oggi, non un'Europa dei burocrati ma un'Europa vicina alla gente. Se vincessi, punterei a una rinegoziazione con l'Europa, perché se andassimo avanti col patto fiscale dovremmo togliere dall'economia 50 miliardi all'anno. Il Pil ne soffrirebbe e andremo al disastro".

Berlusconi è stato poi ospite di Massimo Giletti nella sua Arena su Rai Uno. Qui, il Cavaliere ha messo in scena uno dei suoi più classici show.
"Se lei non mi lascia parlare, mi alzo e me ne vado. Vuole che me ne vada?". Berlusconi si è alzato più volte nel corso della trasmissione di Giletti su RaiUno, minacciando di lasciare lo studio se non gli fosse stato consentito di svolgere un ragionamento.
I due si sono fronteggiati in piedi finché Giletti ha assicurato che l'ex premier avrebbe avuto la possibilità di parlare, magari in un dialogo con l'editorialista del 'Corriere della sera' Massimo Franco, in collegamento. "Se dopo un anno vengo qui e ci mettiamo a giocare..." ha protestato però di nuovo Berlusconi dopo un tentativo di interloquire da parte del conduttore, che ha detto: "Capisco che lei è abituato a Barbara D'Urso...". "Ha tanto da imparare dalla signora D'Urso" è stata la controreplica.

Dopo il faccia a faccia con il conduttore, l'ex premier ha preso di mira Monti con "ironia". "Questa notte ho avuto un incubo, mi sono svegliato gridando. Ho sognato un governo con ancora Monti presidente del Consiglio e c'era: Ingroia alla Giustizia; Di Pietro alla Cultura; Fini aveva le fogne. Poi c'era quello del Sel, come si chiama? alla famiglia. E non le dico cosa faceva la Bindi".
La replica di Gianfranco Fini è arrivata immediata, in un tweet: "Preferisco essere un incubo notturno di Berlusconi che un suo complice nel trattare l'Italia come un bottino da spartire o un bordello".
Al presidente della Camera è stata riservata più di una frecciata da parte del Cavaliere. Che, sempre a 'L'Arena, ha detto: "contro di me c'è stata una congiura politico-mediatico-finanziaria" alla quale si è aggiunta "la diaspora di Fini, che portò dall'altra parte eletti sotto il simbolo del Pdl, con il mio nome come candidato premier, poi scoppiò il vero e proprio imbroglio dello spread". Del "complotto mediatico" contro il governo del centrodestra fa parte il 'Corriere della sera', ha aggiunto Berlusconi dopo un intervento dell'editorialista del quotidiano, Massimo Franco.
Di Monti ha detto: "Mi spiace che al presidente del Consiglio sfugga la linearità del mio comportamento e delle mie dichiarazioni. E' umanamente gradevole, ma è un professore. Non è mai stato nella trincea del lavoro, non è mai stato protagonista dell'economia - ha sottolineato l'ex premier -. Di errori questo governo tecnico ne ha fatti troppi".

E dopo aver sciorinato una serie di argomentazioni già ascoltate ("La casa è sacra e nel primo Cdm aboliremo Imu"; "Non metteremo in lista persone con condanne definitive") si è rivolto agli elettori: "Prima di votare, guardate in faccia le persone che vi chiedono il voto: guardate a cosa hanno fatto nella vita. Se hanno fatto solo parole forse sarà meglio votare per chi nella vita è riuscito a mettere insieme 56 mila persone e ha fatto tutto, raggiungendo tutti i traguardi che si era proposto". [Informazioni tratte da Adnkronos/Ign]

24 dicembre 2012
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Costume Intero Donna JAKED J01

Costume Intero Donna JAKED J01

17,45 € 34,90 €
Imballaggio
Fioriera alta  Nino Parrucca smerlata
PNT_D
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Riparazione vetri auto Agrigento
Autoglass Gela

Autoglass Gela

31/12/2018
Sostituzione cristalli Canicattì

Sostituzione cristalli Canicattì

Offerta valida dal 10/11/2017 al 28/02/2018
Sconto in fattura del 50%

Sconto in fattura del 50%

offerta valida fino al 31/12/2020
Turone ex Carglass Canicattì è adesso un centro Doctorglass

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE