Le tute blu di Termini in marcia verso Roma

400 lavoratori siciliani vogliono seguire da vicino la riunione di Palazzo Chigi, dove il Lingotto presenterà il nuovo piano industriale

Partirà questa sera (lunedì, 21 dicembre) alle 23 dalla stazione di Palermo il treno speciale che condurrà a Roma circa 400 operai della Fiat e dell'indotto che domani manifesteranno in piazza Colonna in contemporanea alla riunione a Palazzo Chigi tra governo, sindacati e la Fiat, che presenterà il piano industriale. I lavoratori ripartiranno martedì sera.

Fim, Fiom e Uilm
hanno proclamato due giorni di sciopero, per martedì e mercoledì, con presidi davanti allo stabilimento di Termini Imerese. "E' indispensabile che Termini Imerese continui a produrre auto - ha detto il segretario territoriale della Fiom, Roberto Mastrosimone - se la Fiat dovesse confermare la decisione di smettere di assemblare auto, il sindacato metterà in campo nuove iniziative di lotta come fece nel 2002".
I lavoratori avranno al loro fianco anche il sindaco Salvatore Burrafato, che parteciperà all'incontro di Palazzo Chigi, e i consiglieri comunali di Termini Imerese, che si riuniranno per l'occasione in seduta straordinaria nella sede romana della Presidenza della Regione siciliana. Ad ascoltare l'amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, ci saranno il sottosegretario Gianni Letta, i ministri del governo Berlusconi, i leader di Cgil, Cisl e Uil (Guglielmo Epifani, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti) e i segretari generali di Fim, Fiom e Uilm. Prevista la presenza del governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo.

Gugliemo Epifani: "Marchionne non chiuda Termini Imerese" - La riorganizzazione produttiva in Italia, con il 'macigno' del futuro di Termini Imerese; le garanzie che, dopo l'acquisizione di Chrysler, la testa strategica del gruppo non venga trasferita a Detroit; la salvaguardia occupazionale, gli incentivi e le alleanze straniere. Il piano industriale che l'a.d. di Fiat Sergio Marchionne illustrerà a Governo e sindacati martedì a Palazzo Chigi dovrà sciogliere tutti questi nodi e dovrà rispondere al pressing di chi, dall'altra parte del tavolo, chiederà nuovamente un aumento della produzione di auto proprio in Italia. L'attesa per l'incontro è forte, anche perché all'inizio di dicembre, dopo aver visto il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, lo stesso Marchionne ha riconfermato che nello stabilimento siciliano "non si faranno più auto". Proprio Scajola però ha più volte richiamato la necessità di aumentare la produzione italiana. "Ci auguriamo - ha ribadito nei giorni scorsi - che il piano Fiat produca una crescita sostanziale della produzione delle auto in Italia". Una posizione ripresa da tutti i leader sindacali. Ultimo il segretario della Cgil Guglielmo Epifani che riconoscendo "un grande coraggiò al manager italo-canadese per l'operazione Chrysler", ha sottolineato come "il problema è se la Fiat diventa sempre più di testa e di cuore statunitense", che l'Italia è "il paese dove si producono meno auto" e che "Termini Imerese, tra diretto e indotto, ha 3.000 persone e se chiude nient'altro potrà offrire prospettive a quelle persone". Concetti espressi anche dai numeri uno di Cisl e Uil. Raffaele Bonanni sabato, e proprio in vista del tavolo di Palazzo Chigi, ha spiegato che "deve passare il principio che se il settore pubblico deve intervenire allora c'é bisogno di garanzie sul mantenimento dei posti di lavoro" e che, dopo le voci di arrivi di cinesi (Chery) o indiani (Tata e M&M) a Termini Imerese, "tutto ciò che presenta una solidità di base ci interessa, perché a noi interessa non la confusione ma la stabilità nel lavoro delle persone". "Noi compriamo auto in misura tre volte superiore a quante ne produciamo, e siamo l'unico Paese occidentale dove questo avviene. Allora questo è il problema", ha detto invece Luigi Angeletti. "In Italia - ha spiegato - non c'è eccesso di capacità produttiva come si legge in tutti i giornali e come dicono tutti gli osservatori al mondo, secondo i quali nel mondo si producono troppe auto, ci sono troppe fabbriche e operai e bisogna ridurli. Questo è vero dappertutto, escluso che in Italia". Da parte sua la leader dell'Ugl Renata Polverini ha sottolineato che su Fiat "occorre fare una battaglia" e che il Lingotto deve restituire al Paese "quanto dal Paese ha ricevuto in tutti questi anni".

Fonte: ANSA

21 dicembre 2009
Condividi:
ADATTATORI ALTOPAPLANTI ANTERIOTI SKODA VOLKSWAGEN MECATRON
DISPENSA DCORATA

DISPENSA DCORATA

Armadietti e portaoggetti
proposto da Art Tenda
SPECCHIERE
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

Autoglass Gela

Autoglass Gela

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
SOSTITUZIONE PARABREZZA

SOSTITUZIONE PARABREZZA

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
assistenza depuratori palermo e provincia

assistenza depuratori palermo e provincia

Depurazione e trattamento delle acque - impianti ed apparecchi
proposto da H2O
Lavabo sospeso Nativo
Carrozzeria Agrigento

Carrozzeria Agrigento

Riparazione dei mezzi di trasporto

Aziende consigliate