Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Nell'isola più a sud d'Italia

A Lampedusa (AG), continuano gli sbarchi e cresce la preoccupazione degli operatori turistici

Contenuti Sponsorizzati
RIPARAZIONI friggitrici cucine professionali
Sanificazioni ambientali
Scultura in porcellana gres spagnola  Nao by Lladro RICORDANDO
Tubo in cemento Ø cm 50
Presa 2P+T 10A Bianca Vimar
Dpr 13 marzo 2013, n. 59

A Lampedusa, l'isola più a sud d'Italia, si può attribuirle senza alcun problema la nomea di "paradiso terrestre". Un'isola bellissima, dalle spiagge incantevoli e i fondali di grandissimo interesse ambientale. In un tempo in cui troppi animali rischiano l'estinzione, a Lampedusa è tornata dopo tanti anni, una tartaruga marina Caretta caretta a deporre nuovamente, e nell'acqua del suo mare, trasparente e magica, gruppi di delfini nuotano liberi e vivaci.
C'è tutto questo e molto, molto di più a Lampedusa, l'isola più a sud d'Italia.

A Lampedusa purtroppo c'è anche dell'altro. C'è un centro d'accoglienza per immigrati che potrebbe ospitare un centinaio circa di persone, ma c'è ne sono sempre di più, molte di più.
Il fatto è che essendo l'isola più a sud d'Italia, c'è la prima spiaggia di nazionalità italiana che si incontra partendo dall'Africa.
A Lampedusa ci sono gli sbarchi dei clandestini, tanti sbarchi, sbarchi che hanno una cadenza quasi giornaliera.

Ora a Lampedusa c'è anche qualcos'altro, che in verità non è la prima volta che ci sia. C'è la il timore degli operatori turistici preoccupati che la storia degli sbarchi li mandi in rovina, tenendo distanti i turisti da quello che si può tranquillamente chiamare "paradiso terrestre".
E allora è facile che la provocazione lanciata da alcuni operatori turistici di Lampedusa, i quali promettono rimborsi ai turisti che individuano clandestini nell'isola, ha trovato consensi.

Il sindaco di Lampedusa, Bruno Siragusa, spiega: "questa iniziativa è una chiara provocazione, però Lampedusa, da anni, soffre per le forzature mediatiche attorno al problema degli immigrati e questo allontana i turisti". "Chi viene in vacanza - continua Siragusa - deve sapere che i clandestini dal momento dello sbarco e fino al loro trasferimento, rimangono nel centro di accoglienza, senza potere essere visti o avvicinati da chicchessia".
Certo, detto così suona veramente, ma veramente male, ma di certo le dichiarazioni del primo cittadino di Lampedusa, denunciano un reale e grave problema per un'isola che nel turismo ha una delle principali risorse.

Appena qualche giorno fa alcuni albergatori e operatori turistici di Lampedusa avevano denunciato questa situazione lanciando "una sfida ai turisti": attraverso il tour operator di Lampedusa "Sogni nel blu", infatti, è stato garantito il rimborso del soggiorno "a tutti i clienti che riusciranno a vedere la presenza di clandestini nelle spiagge o in paese".

"Il nostro call center riceve giornalmente decine di telefonate di clienti spaventati - spiega Antonio Martello, amministratore di Sogni nel blu - che chiedono informazioni sugli sbarchi di immigrati, fenomeni assolutamente sotto controllo e non diversi da quelli degli anni precedenti. Per questo abbiamo deciso di lanciare questa sfida: è assurdo che l'economia della nostra isola debba pagare un prezzo così alto per quello che in realtà è un semplice terrorismo di parola, cioè paure che si fondano su nulla di concreto". "Quindi- conclude Martello - rimborseremo fino all'ultimo centesimo a chi troverà un clandestino per strada".

E proprio tra la notte scorsa e stamattina, dopo alcuni giorni di tregua, anche a causa delle cattive condizioni del mare, Lampedusa, l'Isola più a sud d'Italia, è stata nuovamente presa d'assalto dagli sbarchi di immigrati clandestini.
La notte scorsa sono stati bloccati sull'isola 36 clandestini, 9 dalle pattuglie della Guardia di finanza e 27 da quelle dei carabinieri, probabilmente un unico gruppo che è riuscito sbarcare direttamente a terra.
Altri dieci immigrati sono stati intercettati questa mattina a poche miglia dall'isola da una motovedetta della Gdf su una piccola imbarcazione di vetroresina di 5 metri, che è già stata trainata in porto. Un gommone con una quindicina di persone, infine, è stato avvistato all'alba da un peschereccio a circa 35 miglia dalla costa. Una motovedetta della guardia costiera è già partita dall'isola per soccorrere i clandestini.

Ultimissime da kataweb.it
Lampedusa, 11 ago 2004 - 13:18
Immigrazione, avvistato barcone con almeno 150 clandestini
Un barcone in legno lungo una trentina di metri con almeno 150 clandestini a bordo è stato avvistato a una quarantina di miglia a sud di Lampedusa da un aereo militare Atlantic. Due motovedette della guardia costiera sono già partite dal porto per raggiungere l'imbarcazione. Al centro di prima accoglienza di Lampedusa sono sbarcati nelle ultime ore 53 clandestini, in tre sbarchi successivi.

11 agosto 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
RIPARAZIONI friggitrici cucine professionali
Sanificazioni ambientali
Scultura in porcellana gres spagnola  Nao by Lladro RICORDANDO
Tubo in cemento Ø cm 50
Presa 2P+T 10A Bianca Vimar
Dpr 13 marzo 2013, n. 59
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

Offerta valida dal 01/10/2021 AL 31/12/2021
MASTER TRAINING LAURA LANZA ACADEMY 2021
Promo 2° Occhiale

Promo 2° Occhiale

sempre attiva
Promozione Vista/Sole
OFFERTA CASCO J-R HANS OMP

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE