Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Oggi è la Giornata delle Colletta Alimentare

Primato per la Sicilia, che in questo giorno si è dimostrata fra le regioni più generose

Contenuti Sponsorizzati
Tubo Rosso 5/16x5/16 Sae 1,5mt Ferrari G17100
Taxi/Transfer Scopello / Apt Palermo
Manutenzione Impianto elettrico
Insegne a Catania e Sicilia PIXEL
Isolatore in Ceramica 16x22 Bianco Le Prolunghe 5975

Oggi, sabato 27 novembre, si svolgerà in tutta Italia la ''Giornata nazionale della colletta alimentare''.
Quella di oggi è una giornata in cui tutti sono invitati ad acquistare nei punti vendita convenzionati alimenti (preferibilmente olio, omogeneizzati e alimenti per l'infanzia, tonno e carne e in scatola, pelati e legumi) che arriveranno attraverso il Banco Alimentare sulle tavole di un milione di poveri in tutta Italia.

"Se la gente ha occasione di fare del bene, il bene è più contagioso del male".Queste sono le parole del presidente del Banco Alimentare di Catania, Saro Rizza, in virtù della generosità mostrata ogni dalla Sicilia, che ha ogni anno ''depositato'' quantitativi sempre maggiori di alimenti nelle ''casse'' del Banco.
"Nelle collette - spiega Rizza - la nostra Regione si è sempre mostrata fra le più generose, siamo cresciuti in pochi anni del 25%, un dato percentuale che non uguali in Italia. Il segreto? Tutti, anche i più umili, non rinunciano a dare il loro contributo. Dal lavoratore extracomunitario che entra per comprare una scatoletta da donare, alle vecchietta che ci ha pregato di accettare due bottiglie di olio della sua campagna per darle ai poveri". "La colletta - continua il presidente del Banco - comporta uno sforzo organizzativo notevolissimo che impegna 100.000 volontari in tutta Italia. Ma è sempre un momento molto bello perché mette in contatto il grande pubblico con una realtà che è fatta anche di otto milioni poveri. E anche con il mondo della solidarietà, del volontariato. E donare diventa un gesto semplice che rende contento chi lo fa. L'anno scorso, nel giorno della raccolta abbiamo ricevuto la telefonata disperata del gestore di un supermercato che non aveva aderito all'iniziativa. Ci pregava di far venire qualcuno da lui perché i clienti preferivano in quel giorno i supermercati convenzionati".
Insomma, una forma di solidarietà che ricorda quel ''comunismo cristiano'' di cui parlava Pier Paolo Pasolini, riferendosi alla coesione fra i poveri delle borgate romane, una solidarietà simile a quella interna ad una famiglia.

La Giornata della Colletta Alimentare è una iniziativa dal quale il Banco Alimentare ricava il 7 - 8% delle sue entrate alimentari. Il resto si è costituito nel tempo; al banco aderiscono le eccedenze della Agea (l'ex Aima) e i prodotti alimentari della grande distribuzione non più commerciabili o perché non hanno incontrato il favore del mercato, o perché con la confezione danneggiata o prossimi alla scadenza.
Stoccati nei magazzini del Banco alimentare vengono distribuiti agli Enti accreditati che li ridistribuiscono agli indigenti.
Il Banco Alimentare di Catania, alle quali aderiscono tutte le province siciliane a esclusione di Palermo e Trapani (che hanno altri comitati di raccolta), ha seicento Enti convenzionati con i quali riesce a raggiungere fino a 142.000 poveri. L'anno scorso gli Enti erano 550, l'anno prima 497. Un aumento che la dice lunga sull'aumento del bisogno.

"I poveri - spiega presidente del Banco Alimentare di Catania - non sono soltanto gli indigenti che vivono nei quartieri marginali. Ci sono anche i 'nuovi poveri', quelli che vivono nella porta accanto. Sono le famiglie monoreddito travolte dall'euro o dalle tasse, sono i piccoli produttori travolti dalla crisi dell'agricoltura, sono i disoccupati, sono gli anziani. Non solo a Catania, ma anche in aree tradizionalmente più floride come Ragusa o Siracusa dove c'è stato un aumento del 10% di Enti convenzionati. Insomma, il Banco è cresciuto, ma è una crescita che ci mette in crisi".

Questi i risultati della Colletta Alimentare 2003 in Sicilia

CATANIA Kg. 109.433,34 
AGRIGENTO  21.536,00 
CALTANISSETTA  27.761,80 
ENNA  7.379,00 
MESSINA  40.802,90 
RAGUSA  29.776,00 
SIRACUSA  40.194,10 
TOTALE COMITATO CATANIA  276.883,14 
PALERMO  65.269,00 
TRAPANI  24.047,00 
AGRIGENTO (comp. Pa)  1.593,00 
TOTALE COMITATO PALERMO  90.909,00 
TOTALE SICILIA  367.792,14 

(I prodotti raccolti: olio, omoggeneizzati, alimenti per l'infanzia, tonno, pelati, legumi, pasta, riso, zuccore, latte, biscotti)

27 novembre 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Tubo Rosso 5/16x5/16 Sae 1,5mt Ferrari G17100
Taxi/Transfer Scopello / Apt Palermo
Manutenzione Impianto elettrico
Insegne a Catania e Sicilia PIXEL
Isolatore in Ceramica 16x22 Bianco Le Prolunghe 5975
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

FINANZIAMENTI  A  FONDO  PERDUTO  2021
PROMO CARTA DA PARATI

PROMO CARTA DA PARATI

valida fino al 31/12/2021
Mobile bagno azzurra

Mobile bagno azzurra

valida fino al 30/11/2021
OFFERTA CASCO J-R HANS OMP

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE