Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Operazione ''Cross Border''. Smantellata dalla Polizia un'organizzazione dedita al ''traffico di esseri umani''

Contenuti Sponsorizzati
Filagna varie dimensioni in pietra lavica
Perizia calligrafica e/o grafologica a Caltanissetta
Pavimento in Pietra lavica lavorato a puntillo
Spina CEE Volante 3P+T 16A IP67
Produzione di semi e piantine
Lampada Led 6W GU10 38° 400 Lumen Luce Natura CRI>95 V-TAC

Ci volevano tra i mille e i 1.500 euro a persona per intraprendere viaggi lunghi in condizioni disumane su barche, spesso paragonabili a carrette del mare, e arrivare in Italia, principalmente sulle coste siciliane.
Così, per almeno tre anni, ha agito una organizzazione che la Polizia di Stato ha smantellato, la scorsa notte, colpendo il vertice organizzativo e finanziario. Quattro le persone arrestate dagli investigatori delle squadre mobili di Roma ed Agrigento, tre cittadini sudanesi ed un libico, che secondo quanto accertato, hanno gestito negli ultimi tre anni lo sbarco sulle coste siciliane di almeno un migliaio di clandestini, provenienti da diversi stati africani.

L'operazione, chiamata ''Cross Border'', è stata coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato ed ha concluso un'indagine avviata circa un anno fa sulla base di elementi acquisiti da immigrati ''vittime'' del traffico. Gli immigrati erano prevalentemente imbarcati in Libia. L'operazione delle squadre mobili romane ed agrigentine, concentrata proprio sulla rotta Libia-Italia, si innesta nel più ampio quadro di contrasto alle associazioni criminali specializzate nel traffico di immigrati, che la Direzione centrale anticrimine della Polizia sta conducendo da diversi mesi. Un risultato ottenuto intensificando le attività di gruppi investigativi specializzati nelle diverse zone di sbarco e di smistamento dei clandestini.

Nel corso dell'operazione la Polizia di Stato ha sequestrato il registro degli imbarchi che l'organizzazione aveva compilato nel corso degli ultimi tre anni. Il registro, è stato sottolineato dagli investigatori delle squadre mobili di Roma e Agrigento, era una sorta di libro mastro degli imbarchi clandestini, dove al pagamento di ogni somma veniva corrisposto un codice. Il numero in codice serviva poi al capitano della ''carretta del mare'' per identificare l'immigrato clandestino imbarcato in Libia, con destinazione le coste siciliane.

13 febbraio 2006
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Filagna varie dimensioni in pietra lavica
Perizia calligrafica e/o grafologica a Caltanissetta
Pavimento in Pietra lavica lavorato a puntillo
Spina CEE Volante 3P+T 16A IP67
Produzione di semi e piantine
Lampada Led 6W GU10 38° 400 Lumen Luce Natura CRI>95 V-TAC
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Qual è il Vetro giusto per la tua Auto?
Sostituzione Parabrezza e Vetri Auto: attenti alle ragnatele!
Carrozzeria Agrigento
TURONE- PELLICOLE PER AUTO AGRIGENTO- PELLICOLA CARROZZERIA AUTO

TURONE- PELLICOLE PER AUTO AGRIGENTO- PELLICOLA CARROZZERIA AUTO

Offerta valida dal 14/04/2016 al 12/04/2017
IGIENIZZAZIONE ABITACOLO: LA PROTEZIONE IN AUTO

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE