Pizzo alle cooperative edili di Gela: arrestati otto affiliati ai clan della Stidda e di Cosa nostra

Una vasta operazione antiracket della polizia a Gela, condotta dalla squadra mobile di Caltanissetta e dal locale commissariato, ha portato ieri all'arresto di otto affiliati ai clan della Stidda e di Cosa nostra.
I provvedimenti, cinque dei quali sono stati notificati in carcere a persone già detenute, sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Caltanissetta Giovanbattista Tona, su richiesta dei magistrati della Dda di Caltanissetta: il Procuratore Sergio Lari, l'aggiunto Domenico Gozzo e il pm Roberto Santi Condorelli.
I reati ipotizzati sono di estorsione tentata e continuata in concorso, aggravata dal metodo mafioso; alcuni degli arrestati avrebbero inoltre commesso le estorsioni mentre erano sottoposti alla sorveglianza Speciale.
L'indagine scaturisce da una operazione di monitoraggio della Polizia sui cantieri della cittadella tra le contrade Marchitello e Catania-Casciana a Gela, una lottizzazione di villette e palazzine costruite da più di venti cooperative edilizie nell'ambito del piano comunale per l'edilizia economica e popolare di Gela.
Tutti sono accusati di avere estorto denaro alle imprese che, tra il 1995 e il 2006, hanno realizzato complessi residenziali per centinaia di alloggi nella zona a nord-est del centro abitato di Gela. Chiedevano soldi per far ritrovare materiale edilizio rubato nei cantieri oppure imponevano la "guardiania", facendo assumere uomini dei due clan che venivano stipendiati con somme varianti da ottocento a tremila euro al mese, in proporzione all'entità dei lavori eseguiti.
L'inchiesta è scattata nel 2003 dopo la scomparsa di Salvatore Tomasi, uno degli imprenditori che si era aggiudicato l'appalto di parte delle opere di urbanizzazione della zona di espansione, il cui cadavere fu poi ritrovato, annegato, nella spiaggia di contrada Desusino, sul litorale di Marina di Butera. Di lui si occupò anche la trasmissione di Raitre "Chi l'ha visto?".
Gli arrestati sono tutti appartenenti alla cosca mafiosa degli Emmanuello o ai clan rivali della Stidda, che da anni si contendono a Gela il controllo del territorio. Tre degli otto imputati sono stati arrestati nel corso della notte. Sono Giuseppe Alferi, di 46 anni, Nunzio Alferi, di 22, Claudio Alfieri, di 29 anni. Ai rimanenti cinque indagati, l'ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere dove si trovano detenuti per altri reati. Si tratta di Salvatore Burgio, di 43 anni, Francesco Morteo, di 45, Enrico Maganuco, di 46 anni, Vincenzo Gueli, di 44, e Francesco Giovane, di 23 anni.
Determinante, ai fini delle indagini, il contributo fornito da quattro collaboratori di giustizia (tre di Cosa Nostra e uno della Stidda) e da alcuni degli imprenditori presi di mira. Gli Alferi, con Giovane, avrebbero creato un sodalizio autonomo che comunque si inquadrerebbe organicamente in "Cosa Nostra". Opererebbe nel campo delle estorsioni, con le vittime costrette a pagare per non subire furti di materiale nei cantieri e danneggiamenti. Il "pizzo" sarebbe stato corrisposto anche sottoforma di stipendio mensile (variabile dai 3.000 agli 800 euro) a falsi guardiani notturni imposti dagli esponenti della cosca mafiosa. [La Siciliaweb.it]

6 novembre 2009
Condividi:
Specchi artigianali in Sicilia

Specchi artigianali in Sicilia

Ceramiche: prodotti e lavorazioni
proposto da Tekno Waterjet Sud
Sanitari DEA: UNA DICHIARAZIONE DI STILE. Ideal Standard.
Cordone tubolare mt. 10

Cordone tubolare mt. 10

Nastro floreale
9,45 €
Vassoio in acciaio  in diverse misure

Vassoio in acciaio in diverse misure

Articoli per cerimonia di nozze
1,35 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

SOSTITUZIONE PARABREZZA SCIACCA SU JAGUAR XJ

SOSTITUZIONE PARABREZZA SCIACCA SU JAGUAR XJ

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
RICARICA CLIMATIZZATORE AUTO

RICARICA CLIMATIZZATORE AUTO

Condizionatori aria per autoveicoli
FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO 2018

FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO 2018

Scuole di orientamento, formazione e addestramento professionale
Carglass Segesta

Carglass Segesta

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione

Aziende consigliate