Ricerca su di un soggetto di… ricerca. ''DIA: un'indagine in 26 diapositive''

Una mostra degli allievi dell'Accademia di Belle Arti e del Restauro Abadir di Palermo

Contenuti Sponsorizzati
FILA CLEANER LT.1 FILA
vaso Ø 20 cm.  mini alberello
Cherry blossom garland (fiori di pesco) mt. 2
"DIA un'indagine in 26 diapositive"
a cura di Ida Parlavecchio e Antonio Micciché
espongono gli studenti del II corso dell'Accademia di Belle Arti e del Restauro ABADIR
dal 16 febbraio al 7 marzo
ARèA contenitoreartecontemporanea - Piazza Rivoluzione 1 Palermo
Orari: dalle ore 19.00 escluso il lunedì

Per due settimane sulle pagine palermitane del quotidiano La Repubblica è comparsa un'insolita immagine fotografica che giorno per giorno riproduceva un contesto cittadino diverso (un tratto di Corso Ruggiero Settimo, L'interno di un bar, una stazione ferroviaria, una sala d'aspetto d'ospedale, lo scorcio di un mercato, la sala di un cinema ecc.); su ogni immagine campeggiava una frase ancora più criptica, simile a  quei messaggi pubblicitari che, senza rivelare l'oggetto della promozione, tengono per un certo periodo il pubblico col fiato sospeso, col preciso intento di aumentare la soglia dell'interesse, della curiosità verso il prodotto pubblicizzato.

Quell'immagine però non pubblicizzava nulla, era un'intrusione, un messaggio cosiddetto "teaser", come vengono indicate in gergo le campagne promozionali di cui sopra, ma il "rompicapo" si riferiva a un ben diverso oggetto, anzi, soggetto di ricerca.
Uno dei più "ricercati" da oltre quarant'anni. Proprio lui, il più noto latitante siciliano:
Il capomafia Bernardo Provenzano.

L'operazione, firmata dagli studenti dell'Accademia di Belle Arti Abadir e curata da Ida Parlavecchio e Antonio Miccichè, si pone sulla linea di confine fra arte e cronaca, ricerca e indagine investigativa, comunicazione e pubblicità. La redazione di Repubblica ne ha sostenuto il progetto, diffondendolo attraverso le pagine stampate del quotidiano, raccogliendo per giorni reazioni e commenti, domande e curiosità le più svariate.
Al termine delle due settimane, tutte le opere fotografiche vengono presentate in mostra negli spazi di AréA contenitoreartecontemporanea a P.zza Rivoluzione,1 - Palermo.

L'esposizione dal titolo, (anche quello ambiguo), "DIA",  raccoglie 26 diapositive riprodotte in stampa e alcune proiezioni.
Nulla in queste immagini si lega all'inchiesta sulla "primula rossa", nessun tentativo di ricostruirne il caso, né tantomeno alcuna atmosfera o dettaglio allusivi. Le foto, eludendo ogni carattere oleografico, sono piuttosto una fredda prosaica constatazione di fatto, la risposta senza esito a una domanda epurata da qualsiasi investimento emotivo: dov'è?

ABADIR Accademia di Belle Arti e del Restauro
Abbazia PP.Benedettini - San Martino delle Scale - Palermo
Tel/fax 091.418022


17 febbraio 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
FILA CLEANER LT.1 FILA
vaso Ø 20 cm.  mini alberello
Cherry blossom garland (fiori di pesco) mt. 2
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Casette in legno

Casette in legno

Si affittano casette in legno per eventi vari.
STEFANO ANSELMO  da LAURA LANZA ACADEMY
TURONE RIGENERAZIONE TESSUTO CIELO O SOTTOTETTO AUTO

TURONE RIGENERAZIONE TESSUTO CIELO O SOTTOTETTO AUTO

Offerta valida dal 31/01/2017 al 31/08/2017
Autoglass Casteltermini
BANCO PESCE

BANCO PESCE

30 GG MESE MARZO

Aziende consigliate