Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

RICHARD GALLIANO - GONZALO RUBALCABA QUARTET / Non Solo Jazz 2008/09

Contenuti Sponsorizzati

RICHARD GALLIANO - GONZALO RUBALCABA QUARTET
Richard Galliano (Fisarmonica), Gonzalo Rubalcaba (piano), George Mraz (contrabasso), Clarence Penn (batteria).
Richard Galliano, francese della Costa Azzurra ma di chiare origini italiane, assurto in pochissimi anni ai vertici mondiali del jazz, è il principale artefice del rilancio a tutto campo della fisarmonica quale strumento dalle innumerevoli capaità espressive ed è da molti definito l'erede diretto di Astor Piazzolla.
Gonzalo Rubalcaba è un pianista jazz cubano dalla tecnica sopraffina che nella sua carriera ha inanellato premi e partecipazioni di grandissima caratura, come quella con Charlie Haden, John Patitucci e Jack DeJohnnette.
Le due stelle saranno accompagnate a Catania da un quartetto da non perdere.

Richard Galliano -
Nelle mani di Galliano la popolare fisarmonica acquista ora la policromia di un'orchestra, ora il raccolto timbro di un intimismo di natura cameristica. Interpreta, compone ed orchestra una musica derivata dal genere "musette", nella quale si mescolano in apparenza casuale reminiscenze swing, marcati echi di tango razie alla fondamentale lezione del grande maestro (con il quale Galliano ha appronfondito sia il suo già notevolissimo bagaglio tecnico, sia gli studi armonici e di composizione, e con il quale ha anche inciso un fortunato CD), giri di valzer dei bistrot parigini, ballads di Bill Evans, improvvisazioni di Keith Jarrett e la lezione nera di Charlie Parker e John Coltrane. Il tutto con un compiaciuto gusto cromatico che riporta alla migliore tradizione francese da Couperin a Debussy e soprattutto a Ravel. I grandi meriti di Galliano sono dunque l'originalità, l'avere saputo cioè sintetizzare tutte queste esperienze musicali in una nuova musica europea, fatta di improvvisazione jazzistica e di tradizione mediterranea, e l'avere consentito alla fisarmonica (nella sua variante francese a tasti, l'accordeon) ed al bandoneon di assurgere al ruolo di protagonisti nello scenario jazzistico contemporaneo; strumenti scomodi che hanno avuto sempre vita difficile nel jazz e nella musica colta.
Le collaborazioni discografiche e concertistiche di Galliano sono molteplici: da Juliette Greco a Claude Nougaro, da Ron Carter (con il quale ha inciso lo splendido "Panamanattan") a Chet Baker, da Enrico Rava a Martial Solal, da Miroslav Vitous a Charlie Haden, da Trilok Gurtu al grande Astor Piazzolla cui ha dedicato uno splendido album in cui si possono ascoltare temi indimenticabili come "Oblivion", "Chiquilin de Bachin" e "Adios nonino" e molti altri ancora. Musicista dell'anno in Francia nel 1991, si è esibito in solo e come ospite nel gruppo di Joe Zawinul a Umbria Jazz Winter 95 e Umbria Jazz 96 e poi nelle ultime due edizioni di U.J. Winter, prima in duo con Charlie Haden e poi con il New York Tango Quartet, suscitando in entrambi i casi, unanimi ed entusiastici consensi di pubblico e di critica. Ha partecipato a numerosi altri festival internazionali tra cui Antibes, Vienne, Houston, New York, Melbourne, Pechino, Shanghai.
Imperdibile il suo ultimo lavoro con il Tangaria quartet "Luz Negra", che verrà suonato, insieme ai suoi pezzi più famosi, nella tappa di Catania del suo tour mondiale, il 29 luglio 2007. [www.richardgalliano.com]

Gonzalo Rubalcaba - E' uno dei più grandi pianisti jazz dei nostri giorni. Nato all'Havana nel 1963 in una famiglia di musicisti, Rubalcaba ha cominciato a calcare le scene quindici anni fa collaborando tra gli altri con Charlie Haden, Joe Lovano e recentemente il chitarrista Pat Martino. I due primi album per la Blue Note all'inizio degli anni '90 lo hanno fatto conoscere al di fuori di Cuba per la leggerezza del suo tocco che spesso manca nel jazz sempre esuberante del suo paese e per l'originale approccio alla musica tradizionale spesso elaborata con sperimentazioni elettroniche. Rubalcaba è cresciuto in una casa sempre piena di musica ed artisti. Primo fra tutti suo padre Guillermo Rubalcaba famoso pianista di salsa che ha avuto una parte fondamentale nel suo approccio al jazz. Rubacalba ha detto: "A casa mia avevo l'opportunità di incontrare grandissimi musicisti che erano amici di mio padre. Venivano sempre da noi per suonare, provare o semplicemente parlare di musica. All'epoca ero un bambino e non avevo idea di quanto fossero importanti la vita e lo spirito. Ascoltavo solamente. Quella è stata la più grande influenza della mia vita. Ho avuto l'opportunità di suonare e ascoltare tutte le più importanti forme di musica tradizionale cubana: rumba, guaguancos, bolero, cha cha cha. Lo studio della musica classica è arrivato solamente dopo, quando avevo 13 anni. E' da quel momento che mi sono innamorato dell'improvvisazione e dei musicisti jazz". [www.g-rubalcaba.com]

3 novembre 2008
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COVID 19
Noleggio Breve Termine KYMKO PEOPLE 200GT
FINANZIAMENTI  A  FONDO  PERDUTO  2022
FOTO CERAMICHE
I nostri primi Quarant'anni!!!

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE