Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Se il 2012 è stato un anno difficile, il 2013...

Dalle analisi del Codacons: per i consumi, l’anno che sta per arrivare sarà un anno orribile

Contenuti Sponsorizzati

Il Natale 2012 sarà senza dubbio ricordato come il peggiore degli ultimi 10 anni sul fronte dei consumi. Il Codacons ha monitorato gli acquisti degli italiani fino alle ultime ore di apertura dei negozi. "Chi sperava in una impennata delle vendite grazie agli acquisti dell'ultim'ora, è rimasto deluso - spiega l'associazione -. Le famiglie hanno fortemente tirato la cinghia, riducendo il numero di regali e la loro entità, e tagliando anche sulle spese per la casa, sempre più spesso riciclando gli addobbi degli scorsi anni. Tendenza inversa, invece, per gli alimentari: le tavole degli italiani rimangono imbandite, a dimostrazione di come le famiglie siano disposte a ridurre i consumi su altre voci di spesa, ma restino fedeli alla tradizione del cenone e del pranzo di Natale".

Analizzando le spese degli italiani per il Natale 2012, le principali riduzioni dei consumi - per il Codacons - si sono registrate nel settore regali, con cali drastici degli acquisti fino al -20% per abbigliamento, calzature, arredamento e oggettistica per la casa. Malissimo anche i comparti viaggi, ristorazione e cultura (-15%). Le vendite possono ritenersi soddisfacenti unicamente nel settore giocattoli, informatica e hi-tech, mentre si è speso addirittura più dello scorso anno (mediamente il 5% in più) per gli alimentari.

"Il calo delle vendite di Natale è il segno evidente della crisi economica che investe il nostro paese, e di una politica economica sbagliata che finora ha preferito aumentare la pressione fiscale anzichè salvaguardare le tasche delle famiglie e incentivare i consumi - spiega il presidente Codacons Carlo Rienzi - È evidente come, in assenza di una inversione di tendenza, il 2013 si candidi ad essere come 'l'annus horribilis' sul fronte dei consumi, con pesanti ripercussioni per il settore del commercio e per milioni di attività che, alla luce dei pessimi dati di Natale, rischiano l'imminente chiusura". [Informazioni tratte da Codacons.it, ANSA, Lasiciliaweb.it]

28 dicembre 2012
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

CARGLASS CASTELLAMMARE DEL GOLFO
Decoro 30x30 B&B nero/silver

Decoro 30x30 B&B nero/silver

OFFERTA VALIDA FINO AL 31/03/2020
TURONE PELLICOLE PER CARROZZERIA AUTO AGRIGENTO: Nuova Toyota Yaris prima e dopo
CARGLASS CASTROFILIPPO
Wrapping  ad Agrigento: design innovativo … protezione efficace

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE