Sequestrati gli immobili del "Progetto Case a 1 euro"

Il sindaco Sgarbi: "Siamo al paradosso. Mi accusano di risanare il centro storico". Dopo 40 anni ci si accorge del "rischio crollo"

Contenuti Sponsorizzati
Kit Volano Frizione Lancia Kappa 2.4 jtd
MASCHERINA GrigioArgento RADIO 2DIN  FIESTA '08>  MECATRON
Ritiro e Demolizione Autoveicoli
ZONA NOTTE PASSIONE ITALIANA COLLEZIONE UNICA
- DUNLOP SPORT FAST RESPONSE

La Procura della Repubblica di Marsala, con un provvedimento a firma del Sostituto Bernardo Petralia del 24 ottobre, notificato al Comune il 28 dello stesso mese, ha emesso, sulle base di una serie di relazioni del Vigili del Fuoco di Trapani, un cosidetto «sequestro preventivo d’urgenza» di alcuni immobili, in parte di privati cittadini, in parte del Comune, ricandenti nel quartiere arabo del Rabato, una delle zone più suggestive del centro storico della città. Gli immobili del Comune costituiscono una parte del cosiddetto «Progetto case a 1 euro», e si tratta di vecchie case, distrutte durante il terremoto del 1968, che l’amministrazione Sgarbi, ha acquisito al patrimonio dell’ente proprio nell’idea di recuperarle, rispettandone le caratteristiche architettoniche originarie, affidandone i lavori di recupero a personalità dell’arte, della cultura, delle istituzioni. Al Comune, fino ad iggi, sono giunte circa 10 mila cosiddette «manifestazioni di disponibilità» da ogni parte del mondo.

Il sequestro ordinato dal magistrato inquirente Bernardo Petralia è motivato dal «pericolo di crolli», e cioè dalla stessa condizione per la quale il Comune ha pensato di recuperarli acquisendoli al proprio patrimonio.
«Siamo al paradosso – tuona Sgarbi – in pratica mi accusano di risanare il centro storico. Nel momento in cui tentiamo di recuperarle, ci fermano. Hanno scoperto l’acqua calda dicendo che vi sono pericoli di crolli. Mi chiedo: se ne accorgono adesso che sono pericolanti ? Sono così da 30 anni, mentre io sono arrivato 3 anni fa e ho trovato un cimitero. E mentre le precedenti amministrazioni hanno sostanzialmente dormito, io ho acquisito questi immobili al patrimonio del Comune per recuperarli, e non certo per distruggerli. Perché secondo le bizzarre teorie dei Vigili del Fuoco, che la Procura ha fatto proprie, per loro "mettere in sicurezza" significa demolire. E io non ho intenzione di demolire un bel nulla, semmai di conservare e recuperare».

Inoltre, il pm Petralia ha contestualmente invitato i proprietari degli immobili (5 identificati, altri ignoti) e per il Comune il Sindaco Vittorio Sgarbi e il Capo del Settore Manutenzioni, l’ingegnere Giuseppe Placenza, a nominare un difensore di fiducia, ravvisando per loro le ipotesi di reato codificate negli articoli 677, comma 1 e 3 (Omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina; la pena prevede l’arresto fno a 6 mesi) e 673 del Codice Penale (Omesso collocamento o rimozione di segnali o ripari; la pena prevede l’arresto fino a 3 mesi).
«Non posso negare - ha commentato Sgarbi - di avere, in questi mesi, in numerose occasioni, pensato di dimettermi da sindaco di Salemi. Inutile pensare di difendere l’attività dell’amministrazione comunale aggredita e indifesa da rappresentanti infedeli di altre istituzioni. Inutile pensare di restituire verità alla politica denunciando ipocrisie e menzogne. Inutile tentare di preservare le aree del centro storico nell’ipotesi di una ricostruzione alternativa alla distruzione, di cui rimangono eloquenti scheletri a denunciare cattive e cieche amministrazioni».
«Inutile - aggiunge Sgarbi - sperare nella giustizia quando il Procuratore della Repubblica di Marsala, diventato inconsapevolmente complice dell’obiettivo della distruzione di rovine non meno importanti di quelle archeologiche di Segesta e Selinunte congela le mie denunce sull’evidente speculazione della falsa energia rinnovabile, e sostiene, nei fatti, la causa della distruzione del quartiere arabo del Rabato, con il pretesto dle rischio di crolli, in una zona peraltro, disabitata».
«Di fronte a tutto questo – ha infine osservato Sgarbi - niente di più logico e di opportuno che andarsene. E invece non lo farò. Perché aspetto la mozione di sfiducia che hanno in animo di presentare i consiglieri del Pd cercando alleati-complici in quelli che furono eletti nella maggioranza guidata da Pino Giammarinaro. Espulso come un corpo estraneo da una città cui ho legato il mio nome mostrandone l’antica grandezza. Di quella futura, i veri protagonisti, sono i cospiratori. Con il compiacente sostegno di "corvi" e di capre».

Sgarbi, dunque, annuncia battaglia sul "sequestro preventivo d’urgenza" della Procura di Marsala. «Le relazioni dei Vigili del Fuoco di Trapani saranno tutte sottoposte a una valutazione terza. Il Comune incaricherà dei professionisti di provata esperienza per stabilire se davvero le case oggetto di sequestro sono a rischio crollo e da demolire, o se, come temiamo, ci sia un allarmismo ingiustificato che ha portato a conclusioni incoerenti con le reali condizioni degli immobili».
Il sindaco di Salemi, in tal senso, ha avuto un colloquio telefonico con il Capo Dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco, il prefetto Francesco Paolo Tronca.
«Ciò che sorprende di questa indagine - spiega invece l'assessore al Centro Storico Bernardo Tortorici - è che si fa riferimennto a un presunto pericolo di crollo a partire dal 2008, e cioè dall’insedimento dell’amministrazione Sgarbi. E nei precedenti 40 anni questo pericolo non c'era? Noi pensiamo che la Procura sia stata indotta in errore da relazioni decisamente allarmistiche, tutte da controverificare, con le quali si paventa un pericolo per la pubblica incolumità peraltro in zone oggi in larga parte disabitate. Vedremo cosa diranno i tecnici che incaricheremo nelle prossime ore». Ma Tortorici va oltre: «I Vigili del Fuoco ritengono che mettere in sicurezza significhi solo demolire per eliminare un presunto pericolo; questo significherebbe consentire una ricopstruzione con nuove colate di cemento, criterio che è in contrasto con le "Linee guida" approvate dal Comune di Salemi e condivise dalla Sovrintendenza. Per noi la demolizione è l’ultima ipotesi. Riteniamo che l’obiettivo prioritario sia infatti quello di preservare, conservare e comunque recuperare».

Il «Progetto Case a 1 euro» su Guidasicilia.it:

- Ecco come ristrutturare il centro di Salemi (02/09/08)

- Fra un po' si potrà comprare casa a Salemi a 1 euro (28/11/08)

- Zamparini prende "Casa a 1 euro" (17/03/09)

- Andrea Vecchio collaborerà al progetto "Case a 1 euro" (09/07/09)

 - "Case a 1 euro" anche al regista Giuseppe Tornatore (28/01/10)

- Pronto l'intervento della Provincia di Trapani (04/02/10)

- Il ministro Renato Brunetta prende casa a Salemi... (11/05/11)

- Approvato il regolamento delle "Case a 1 euro" (19/03/10)

- Il progetto "Case a 1 euro" presentato al Ministero dei Beni Culturali (23/03/10)

- Con le "Case a 1 euro" si recupera il centro di Salemi (26/03/10)

- "Case a 1 euro": attenti alle possibili speculazioni sul web (08/09/10)

- Progetto "Case a 1 euro": via libera dalla Soprintendenza alle "Linee Guida" (01/09/11)

 

 

2 novembre 2011
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Kit Volano Frizione Lancia Kappa 2.4 jtd
MASCHERINA GrigioArgento RADIO 2DIN  FIESTA '08>  MECATRON
Ritiro e Demolizione Autoveicoli
ZONA NOTTE PASSIONE ITALIANA COLLEZIONE UNICA
- DUNLOP SPORT FAST RESPONSE
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Pensile 1 anta laccato grigio opaco

Pensile 1 anta laccato grigio opaco

OFFERTA VALIDA FINO AL 28/02/19
Honda HR-V

Honda HR-V

31 luglio 2019
caffe miscela doro palermo

caffe miscela doro palermo

Offerta valida dal 11/02/2017 al 31/12/2018
Vetro auto Castrofilippo
TURONE EX CARGLASS REALMONTE AVVISA LA CLIENTELA CHE ADESSO E' CENTRO DOCTORGLASS

Aziende consigliate