Siamo al caos politico o nelle sue immediate vicinanze...

A quando il bene della Regione? Chi si prende la responsabilità di governare solo per il bene dei Siciliani?

L'Assemblea regionale siciliana ha approvato un ordine del giorno presentato dal Pd che boccia il Dpef del governo.
In precedenza l'aula aveva bocciato (41 no e 28 sì) il provvedimento di sostegno al Documento di programmazione economica e finanziaria presentato da Mpa e Sicilia. Quest'ultimo è il gruppo nato dalla divisione del Pdl, che fa capo all'area del sottosegretario Gianfranco Miccichè.
I cosiddetti lealisti del Pdl e l'Udc hanno votato l'ordine del giorno del Pd, come aveva annunciato il presidente dei parlamentari del Popolo della libertà, Innocenzo Leontini...

SICILIA, LA FRATTURA CONTINUA
di Agostino Spataro (10/11/09)

Povera Sicilia, sempre più lacerata, fratturata al suo interno. La frattura, non la coesione, sembra essere il segno distintivo di questa lunga fase di decadenza che parte dalla politica e si estende all’economia, all’amministrazione, all’intera società.
Coesione che non vuol dire ammucchiata per vie traverse ed oscure come le "geometrie variabili” invocate dall’on. Micciché all’indomani del varo del suo Pdl Sicilia e della drammatica assemblea del Pd dove si è giunti ad una rottura clamorosa e pericolosa, forse, perché si sono scambiati i programmi con gli organigrammi.
Ma aggregazione intorno a un progetto lungimirante di chiaro cambiamento, fondato sulla partecipazione democratica e non sui protagonismi di leader che hanno le ali tarpate.

In Sicilia abbiamo già troppi capi e sottocapi, non solo in politica. Quello che occorre è una espansione della democrazia verso forme e istituti più vicini agli interessi dei cittadini.
Invece, vediamo la politica, specchio e motore di questa frattura, rinchiudersi in se stessa, dilaniata da una rissa perenne, col centro-destra impotente e frantumato e il centro sinistra incartato e un Pd ambiguo e ora anche spaccato.
Insomma, siamo al caos o nelle sue immediate vicinanze. Lo spettro dell’ingovernabilità si aggira sull’Isola come ai tempi bui degli anni '50, quando - come riferisce Graziano Verzotto nella sua biografia - Aldo Moro, ricevendo una delegazione siciliana della Dc, ne diede un'efficace pennellata: "Più giorni passano, più ammiro i Borboni, perché erano capaci di governare due Sicilie, mentre noi non siamo neppure in grado di governarne una sola."

Ora Miccichè pretende la verifica della maggioranza. Ma di quale maggioranza? Di quella, legittima, uscita dalle urne o di quella che si vorrebbe inciuciare, caso per caso, nei meandri mefitici della palude siciliana? Vedremo.
L’opinione pubblica segue sconcertata gli accadimenti e non comprende cosa stia succedendo e soprattutto fin dove ci potrebbe portare questa tendenza.
A me pare che - come più volte abbiamo segnalato - siamo nel pieno di una tempesta politica centrata sulla destrutturazione dei partiti, evocata e favorita da Raffaele Lombardo come unica (sua) speranza per far sopravvivere il suo governo-bis.
Egli sa, perfettamente, che può affermarsi solo attraverso lo sconquasso dei partiti di maggioranza e d’opposizione. Dovrebbe sopravvivere, ubbidiente e granitico, soltanto il suo MpA per farne sementa pregiata con cui fecondare il deserto che si sta apparecchiando.
Fuor di metafora, siamo in presenza di un disegno, inconfessato quanto disperato, che sta affossando la regione e trasfigurando il ruolo e la struttura delle rappresentanze politiche espresse, nel bene o nel male, dal voto popolare.
Nessuno nega l’urgenza di una riforma profonda e radicale della politica e della regione, ma non è certo questo il metodo per realizzarla.

Si sta sfasciando tutto, ma per far cosa? Correttezza vuole che prima di distruggere l’esistente se ne indicasse l’alternativa. Insomma, c’è un progetto? E qual è?
I siciliani sono fermi al programma elettorale del centro-destra che ha portato Lombardo alla vittoria. Oggi quella maggioranza è scoppiata, frantumata in mille rivoli e del suo programma restano solo brandelli, rare tracce, a fronte di alcune confuse novità.
Da un primo, sommario bilancio di queste due esperienze governative (in 18 mesi!) si può rilevare che la cura si sta rivelando peggiore del male.
La posta in gioco è alta, ne va del futuro della Sicilia e dei siciliani. Le preoccupazioni non nascono da ragioni di appartenenza, di schieramento di destra o di sinistra. Solo si desidera sapere dove si vorrebbe andare a parare. L’opinione pubblica ha il diritto di saperlo e chi governa ha il dovere di dichiararlo.
L’impressione è che, per questa via, ci sia poco da costruire e molto da intrigare e da minacciare. Giacché il barcollante edificio del potere si regge solo sulla minaccia, più volte ventilata, dello scioglimento anticipato dell’Ars.

12 novembre 2009
Condividi:
RML TENDA ROTOLANTE ELETTRICA. VELUX  RML
KUX 100 VELUX KUX 100

KUX 100 VELUX KUX 100

Trattamenti per finestre
146,40 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

CARGLASS CIANCIANA

CARGLASS CIANCIANA

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
CARGLASS LUCCA SICULA CARGLASS VILLAFRANCA SICULA

CARGLASS LUCCA SICULA CARGLASS VILLAFRANCA SICULA

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
DOCTORGLASS AGRIGENTO

DOCTORGLASS AGRIGENTO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
Gita  di una giornata a San Vito Lo Capo € 12,00
STEFANO ANSELMO  da LAURA LANZA ACADEMY

STEFANO ANSELMO da LAURA LANZA ACADEMY

Centri di estetica, cosmesi, benessere e servizi

Aziende consigliate