Spazzatura di Natale

Palermo ''addobbata'' di spazzatura: sciopero dei dipendenti Amia e 2mila tonnellate di rifiuti per le strade

Nel Natale della crisi, con il Comune costretto a chiedere soldi in prestito alla Regione per le luminarie, Palermo è di nuovo invasa dai rifiuti e domani Cisl e Uil hanno organizzato uno sciopero per chiedere la ricapitalizzazione dell'Amia, la ex municipalizzata che gestisce la raccolta.
Non è valso l'appello a tornare al lavoro fatto dal prefetto Giancarlo Trevisone, né la raccolta straordinaria fatta ieri ha certo risolto l'emergenza, e in alcuni quartieri i cumuli d'immondizia pregiudicano persino il transito delle auto: sono 800 su 1700 gli operai dell'Amia che si sono concentrati in piazza Castelnuovo per il corteo che raggiungerà la sede del Comune, in piazza Pretoria. I dipendenti della ex municipalizzata per la raccolta dei rifiuti chiedono la ricapitalizzazione dell'azienda, che ha debiti per circa 180 milioni di euro e rischia di fallire. Lo sciopero riguarda il turno mattutino, la fascia che va dalle 4 a mezzogiorno, ed è organizzato da Cisl, Uil e Fenisca-confisal, mentre non hanno aderito Cgil e Ugl.

"L'astensione dal lavoro non ha motivazioni se non politiche
- ha detto il segretario della Camera del lavoro, Maurizio Calà - Gli stipendi e le tredicesime, infatti, saranno pagati grazie al versamento anticipato all'Amia di somme che il Comune avrebbe dovuto versare nel 2010". Ma Mimmo Milazzo, della Cisl, risponde che "da qui a un mese l'Amia spa potrebbe non esistere più: il 20 gennaio ci sarà un'udienza in tribunale che potrebbe decretarne il fallimento, per questo serve la ricapitalizzazione, prevista in una delibera di giunta che sarà portata in aula lunedì".
I debiti dell'azienda ammontano a 180 milioni di euro, di cui una settantina sono crediti da parte degli Ato che conferiscono i rifiuti nella discarica palermitana di Bellolampo. 800 mila euro è il deficit mensile dichiarato dall'Amia dopo il cambio dei propri vertici, mentre fino alla scorsa estate il rosso si aggirava intorno ai tre milioni mensili.
L'Amia e la sua controllata Essemme hanno circa 2700 dipendenti, "ma il punto - insiste Milazzo - non è il personale, piuttosto la mancanza di liquidità che non consente la manutenzione dei mezzi. In città l'immondizia si accumula perchè su 50 compattatori 30 sono fermi per guasti e in attesa di trovare i soldi per la manutenzione".

Lombardo: "Qualcuno pensa di tornare a metodi truffaldini" - "C'è un'emergenza legata a un sistema che non funziona e poi ci sono vari focolai in cui si tenta di fare esplodere l'emergenza dolosamente perché c'è qualcuno che si illude si possa tornare all'impostazione truffaldina dei vecchi termovalorizzatori". Queste le parole del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, che ieri mattina ha visitato la discarica consortile di contrada Timpazzo, a Gela, riaperta dopo i lavori di ampliamento durati due anni, che permette ai sette comuni all'Ato ambiente CL2 di risparmiare 700 mila euro al mese.
Al governatore è stato chiesto un intervento finanziario urgente perché venga realizzato un impianto di pre-trattamento dei rifiuti, del costo di due milioni di euro, che ridurrebbe del 60% il volume dell'immondizia attraverso un sistema di pressatura, senza il quale ogni discarica priva di sistema di compostaggio, dal primo di gennaio 2010, diventerà fuorilegge. E' stato ipotizzato anche l'eventuale utilizzo provvisorio di impianti mobili di pressatura da acquisire in leasing. Lombardo ha ricordato che "il piano dei rifiuti in Sicilia é oggetto di uno studio di aggiornamento, affidato a una commissione di 15 esperti, presieduta dall'ex prefetto di Catania, Cancilleri, che da qui a qualche giorno (non oltre il 18 dicembre) consegnerà i risultati: Questo ci permetterà di reimpostare una strategia complessiva".

[Informazioni tratte da La Siciliaweb.it, Ansa, Repubblica/Palermo.it]

14 dicembre 2009
Condividi:
crio gel anticellulite collistar GEL

crio gel anticellulite collistar GEL

Massaggi e relax
36,40 € 52,00 €
Borsa a Spalla Uomo, 4.50x26x23 cm  GAUDI Linea Bside
Scarpa ancoraggio travi sagomata 100x120 spessore 2 mm
Tegole canadesi ECO ROOF TRADITIONAL GREEN TEGOLA CANADESE TRADITIONAL
Tegola Canadese   MASTER

Tegola Canadese MASTER

Materiali per coperture
44,00 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

PROMO ETNALAND

PROMO ETNALAND

Ricevimenti e banchetti - sale e servizi
CARGLASS CASTROFILIPPO

CARGLASS CASTROFILIPPO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
CARGLASS MONTEVAGO

CARGLASS MONTEVAGO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione

Aziende consigliate