Stangata 2010

L'allarme dei consumatori: tra aumenti e ''nuovi balzelli'' sarà un anno nero

L'anno nuovo porterà una vera e propria stangata per gli italiani: secondo un'indagine di Federconsumatori - Adusbef, si tradurrà in un esborso di 596 euro a famiglia. In particolare, spiegano le due associazioni dei consumatori, ogni famiglia pagherà 130 euro in più (15%) per le Rc Auto; 65 euro in più per le tariffe aeroportuali (pari a 3 euro a biglietto); 55 euro in più per ogni ricorso al giudice di pace per multa; 28 euro in più per la bolletta della luce; 18 euro in più per l'acqua; 65 euro in più per prendere un treno; 35 euro in più per la Tarsu; 30 euro in più per i servizi bancari; 80 euro in più per le rate dei mutui e 90 euro in più per i carburanti. Il totale è, appunto, 596 euro di cui 120 "di nuovi balzelli".

In particolare, spiegano le associazioni, "il comma 200 della Finanziaria istituisce a decorrere dal 1 gennaio 2010, anticipazioni tariffarie di 3 euro a passeggero su ogni singolo biglietto aereo a favore dei gestori aeroportuali, che invece di tirare fuori mezzi propri per finanziarsi, lo fanno a spese dei viaggiatori configurando una vera e propria stangata tariffaria pari ad almeno 65 euro l'anno a carico dei viaggiatori". "Il comma 215 sulle spese di giustizia - aggiungono - introduce il contributo unificato pari a 103,3 euro a carico dei lavoratori licenziati che fanno ricorso in Cassazione, con la beffa della compensazione delle spese legali", mentre "il comma 6-bis della stessa legge finanziaria istituisce un ulteriore balzello, pari ad un contributo minimo di 38 euro a carico di quei cittadini che osano fare ricorso contro gli agguati degli autovelox, che i Comuni installano perchè sono alla canna del gas e in tal modo recuperano risorse in bilancio. Per impugnare una multa di circa 45 euro davanti al Giudice di Pace, occorre spenderne circa 55 tra i costi di 3 raccomandate bolli e contributo unificato non previsti in precedenza" . "A questa ministangata governativa, - dichiarano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti - bisogna aggiungere 30 euro di gas, 130 di RCA, 18 euro per i servizi idrici; 35 euro di Tarsu; 30 di rincari dei servizi bancari; 80 euro per le rate dei mutui visto che le banche, prevaricando i contratti, stanno aumentando lo spread quasi raddoppiato, 65 euro per gli aumenti dei biglietti dei treni, 90 euro per i costi dei carburanti (su base annua)".

E se "il buon giorno si vede dal mattino", c'è poco da stare tranquilli. Infatti, la "stangata 2010" parte già da Capodanno: secondo l'Adoc aumenteranno del 4% circa anche i prezzi per il cenone di CapodannoE allora aumentano (+2%) quelli che, per risparmiare, preferiscono rimanere a casa o andare in un agriturismo. Festeggiare a contatto con la natura, secondo l'associazione dei consumatori, costerà in media 130 euro (+2,3% rispetto all'anno scorso), mentre per organizzare una cena in casa, per otto persone, non si andrà oltre il 158 euro in media.

In 7 anni rincari per complessivi 9.600 € a famiglia! - E' una maxi stangata quella che si è abbattuta sui consumatori italiani dall'introduzione dell'euro ad oggi. In base ai dati elaborati dal Codacons emerge che in 7 anni (dal 2002 al 2009) ogni famiglia ha speso complessivamente circa 9.600 euro in più a causa dei rincari dei prezzi al dettaglio, degli aumenti tariffari, della crescita di affitti e mutui e delle speculazioni, avvenuti nel totale immobilismo dei governi che si sono succeduti, che non hanno mai preso a cuore la questione dei consumatori, né hanno adottato misure efficaci tese a contenere i rialzi dei prezzi. "Gli interventi da mettere subito in campo per consentire risparmi immediati e reali alle famiglie sono rafforzare 'Mr Prezzi' e creare un dipartimento ad hoc dedicato ai consumatori, che abbia la possibilita' di elevare sanzioni contro le speculazioni e che studi misure concrete contro il caro-vita - spiega Francesco Tanasi Segretario Nazionale Codacons - liberalizzare i saldi tutto l'anno, dando ai commercianti la possibilità di scegliere quando scontare la propria merce e introdurre il doppio prezzo sui prodotti dell'ortofrutta (ingrosso e dettaglio) così da limitare i ricarichi dal campo alla tavola; rafforzare le autorità esistenti (Antitrust, Agcom, ecc.); definire il 'prezzo anomalo', ossia l'aumento che viene considerato fuorilegge e, come tale, perseguibile; consentire immediatamente la vendita di carburanti presso la grande distribuzione; effettuare controlli a tappeto negli esercizi commerciali e verificare costantemente i ricarichi dei prezzi dall'origine al dettaglio e creazione in ogni comune italiano di mercati settimanali di vendita diretta produttore-consumatore. Queste semplici misure - conclude Tanasi - avrebbero effetti immediati sull'economia nazionale, stimolando i consumi, innescando la concorrenza e determinando risparmi immediati per i consumatori, pari a 1.000 euro annui a famiglia". [www.codacons.it]

[Informazioni tratte da Repubblica.it, Corriere.it]

28 dicembre 2009
Condividi:
Vaso Cuore a onde in ceramica H28 e H 18 Bianco e Rosso
Portafoto in ceramica decorata  Egan IL MONDO DI OLIVER
MUR OPAL. Chiraema.

MUR OPAL. Chiraema.

Materiali da costruzione
Equisetum stabilizzato Red Bundle gr.200
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

PARABREZZA DA SOSTITUIRE AGRIGENTO

PARABREZZA DA SOSTITUIRE AGRIGENTO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
PROMO FRIZIONE

PROMO FRIZIONE

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
Carglass Ribera

Carglass Ribera

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
PELLICOLA PER AUTO TURONE AGRIGENTO- SCEGLI LA PELLICOLA GIUSTA PER TE!

PELLICOLA PER AUTO TURONE AGRIGENTO- SCEGLI LA PELLICOLA GIUSTA PER TE!

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali

Aziende consigliate