Sugli schermi ''Fast and furious'', la gioventù bruciata del 2001

Una pellicola indipendente sulle corse clandestine

Da venerdì sugli schermi Fast and Furious, la pellicola indipendente sulle corse clandestine che ha diviso l'America e fatto il successo di un manipolo di attori pressochè sconosciuti.

Qualcuno l'ha già apostrofato come il "Gioventù Bruciata" del nuovo millennio.

Conduce lo spettatore nel mondo delle corse automobilistiche clandestine, il nuovo lavoro del regista Rob Cohen (Dragonheart, Daylight).
Ispirato da un articolo apparso sulla rivista Vibe, il film descrive la realtà delle drag race attraverso una trama poliziesca cui si sposano momenti di azione pura.
Brian O'Connor (Paul Walker), agente dell'FBI, per scoprire quale tra le gang del giro di corse clandestine sia coinvolta in una serie di furti s'infiltra in una delle più temute bande di Los Angeles, quella di Dominic Toretto (Vin Diesel).

Durante la missione s'innamora però della sorella di questi, Mia (l'affascinante Jordana Brewster).
Comincia inoltre a nutrire una certa simpatia per i suoi sorvegliati al punto da sperare che invischiata negli assalti ai tir su cui sta indagando sia la gang rivale a quella di Toretto.

Arriverà il momento in cui il giovane dovrà scegliere da che parte stare e decidere se seguire la strada del cuore o quella della legge... una decisione difficile da prendere per chi ha ormai imparato che nelle corse come nella vita a fare la differenza sono pochi secondi.

Dal regista di The Skulls - I Teschi una pellicola che è adrenalina pura.
Fast and Furious regala infatti le più incredibili scene di corsa su strada mai viste sul grande schermo.

21 settembre 2001
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie