Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Tra recuperi e ritrovamenti, la Sicilia trabocca letteralmente di reperti archeologici

Tra recuperi e ritrovamenti effettuati dai carabinieri la Sicilia si conferma eterna arca di Storia

Contenuti Sponsorizzati

La settimana scorsa i carabinieri della tutela patrimonio culturale di Palermo hanno recuperato circa 300 reperti archeologici depredati dai tombaroli in tutta la Sicilia, e hanno denunciato 15 persone.
Tra i manufatti sequestrati, anfore puniche e romane, statuette in terracotta e monete in bronzo di varie dimensioni e riconducibili ad antiche zecche siciliane attive dal V secolo avanti Cristo al Medioevo.
Il materiale, che è stato sequestrato nelle province di Palermo, Catania, Siracusa ed Enna, sarà consegnato alle Soprintendenze ai beni archeologici.
Il territorio siciliano, che contiene immense ricchezze dal punto di vista storico e archeologico, viene sistematicamente e continuamente devastato dai tombaroli. Purtroppo sono tante (diciamo pure troppe) le zone archeologiche non adeguatamente protette. Ad Hymera (Palermo), a Morgantina (Enna) e a Mineo (Catania), i tombaroli fanno periodicamente scavi clandestini danneggiando opere d'arte e preziosità archeologiche'.
 
E dal terreno e dal mare siciliano continuano a fuoriuscire reperti di altissimo valore che potrebbero sicuramente far gola ai tombaroli di turno. Infatti importanti reperti archeologici sono stati recuperati nel mare delle Egadi.
Un'ancora in piombo e a ceppo mobile che apparteneva ad una grossa nave da carico greca del quarto secolo a.C. è stata ripescata dai carabinieri a 150 metri da Cala Tonda nell'isola di Favignana. Il ritrovamento è stato reso ancora più prezioso da un'inconsueta dicitura "Euploia" (che in greco significa Buona traversata, o buon viaggio) sul piombo.

Alla scoperta si è giunti grazie alla recente localizzazione, nelle acque antistanti l'arcipelago, di un elmo, risalente apparentemente all'epoca romano-repubblicana, da parte di un pescatore dell'isola che lo ha consegnato ai carabinieri. I militari si sono avvalsi di un sistema di ricerca subacquea "filoguidato" con monitor di superficie, denominato "Pluto" in dotazione ai carabinieri del nucleo subacquei di Messina, che ha permesso di individuare, a circa 50 metri di profondità, l'antico manufatto, che verrà esaminato dagli esperti della soprintendenza di Trapani e dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Palermo.

"La presenza di una nave greca nelle acque di Favignana del quarto secolo - dice il professore Sebastiano Tusa, soprintendente per i Beni archeologici marini della Sicilia - dovrebbe essere connessa con la guerra che condussero i cartaginesi per la conquista dell'isola di Mothia. È l'ipotesi molto verosimile e anche molto affascinante. Si tratterebbe di una nave in transito".
Le ancore rinvenute dai carabinieri nelle acque delle Egadi sono tre. Le altre due sono romane e decisamente più piccole di dimensione.
Alcuni reperti Saranno presto portati a Trapani per essere sottoposti a restauro e consolidamento. Le ancore, invece, resteranno a Favignana per essere conservate nel locale Museo.

- I tombaroli

14 maggio 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

Offerta valida dal 01/10/2021 AL 31/12/2021
Gift Card

Gift Card

Offerta valida
FINANZIAMENTI  A  FONDO  PERDUTO  2021
Cambia le porte e le paghi la metà

Cambia le porte e le paghi la metà

Offerta valida fino al 31/07/2021
Sconto in fattura del 50%

Sconto in fattura del 50%

Offerta valida fino al 30/12/2021

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE