Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Tutti vogliono il pomodoro Siccagno di Valledolmo

Tutti vogliono il pomodoro Siccagno di Valledolmo

Cresce la richiesta per la specialità dell’entroterra siciliano. Fatturato aumenta fino a un milione di euro all'anno

Contenuti Sponsorizzati
Uva Italia
Nettarine
Uva
  • Hai un'azienda agricola che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Cresce del 20 per cento la richiesta del pomodoro Siccagno di Valledolmo. E il fatturato vola: un milione di euro all'anno. Il successo è dato dall'ottima annata che fa numeri record.

"Abbiamo superato un milione di pezzi trasformati e commercializzati, tra bottiglie di passate, concentrato di pomodoro e pomodoro secco - afferma Vincenzo Pisa, presidente della Cooperativa Rinascita di Valledolmo - Tra questi la linea Rosso Siculo, il top di gamma, per la quale usiamo varietà locali, tra le quali il Pizzutello, presidio Slow Food".

Il territorio di coltivazione del pomodoro Siccagno

Il raccolto 2020 presenta un pomodoro con più concentrazione di licopene e di zuccheri. Un frutto sano, colore rosso tipico intenso, odore di pomodoro fresco, non acidulo, sapore tipico ed omogeneo. Altamente dolce e di ottima persistenza. "Un'ottima annata, al di sopra delle nostre aspettative - continua Pisa - grazie alla stagione siccitosa con poche piogge e con una bassissima frequenza di infestazioni e malattie fungine. La resa in campo è stata superiore alla media di circa 100 quintali per ettaro, mentre la resa in trasformato pari al 70 per cento. Complessivamente sono stati raccolti 7 mila quintali”.

Il pomodoro Siccagno di Valledolmo

Ad oggi si coltivano circa 80 ettari nei terreni dei comuni dell'entroterra siciliano e specificatamente a Valledolmo, Sclafani Bagni, Alia Vallelunga, Villalba, nel territorio delle basse Madonie. Un comparto agricolo, quello del Siccagno di Valledolmo, che chiede attenzione e che sviluppa possibilità reali di crescita.

Indiscutibili le caratteristiche del prodotto, così tanto richiesto. Si chiama "Siccagno" per la particolare coltivazione all'asciutto, ovvero senza acqua. Non essendo irrigata, la pianta si presenta rustica con pochi frutti, relativamente piccoli, ma in essi gli elementi organolettici e nutritivi sono altamente concentrati (vitamine, zuccheri e antiossidanti).

21 ottobre 2020
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Uva Italia
Nettarine
Uva
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE