Un nuovo Grand Tour della Sicilia per nuovi viaggiatori

Un nuovo Grand Tour della Sicilia per nuovi viaggiatori

Parte da Taormina la proposta di un nuova idea di viaggio definita da moderne strategie di accoglienza e ospitalità

Il Teatro antico di Taormina dipinto da Jean-Pierre Houël

L’anno europeo del patrimonio culturale è iniziato con il convegno "Sicilia Grand Tour. Viaggiatori, turisti, cittadini consapevoli" organizzato da "Articolo 9. Siciliani per cultura" a Palazzo Duchi d Santo Stefano di Taormina. Una riflessione sulle potenzialità della Sicilia, con particolare riferimento ai beni culturali materiali e immateriali, su cui costruire una nuova idea di viaggio definendo moderne strategie di accoglienza e ospitalità.
Tra i protagonisti del convegno anche il Parco Archeologico di Naxos-Taormina. "Il nostro sforzo - ha sottolineato il direttore del Parco Greco - è orientato a far diventare il Teatro Antico, insieme ad Isola Bella, Villa Caronia, gli scavi archeologici di Naxos e Francavilla di Sicilia, non solo una forza in grado di attrarre visitatori ma un veicolo per far conoscere e riscoprire l’intero territorio".


Il Teatro antico di Taormino dipinto da Thomas Cole

Dopo i saluti istituzionali degli assessori alla Cultura e al Turismo del comune di Taormina, Pina Raneri e Salvo Cilona, ad introdurre e moderare i lavori è stata Fulvia Toscano. Il primo intervento è stato quello di Filippo Grasso, docente di Analisi di Mercato nel corso di laurea in Scienze del Turismo all’Università di Messina ed esperto del sindaco di Montalbano Elicona. "La sfida che proviene dai mercati esteri - ha detto - ci pone davanti alla responsabilità di far tornare i viaggiatori nei luoghi che hanno visitato. E per vincere questa sfida un ruolo importante è ricoperto ancora oggi dagli operatori del territorio, di chi si occupa del settore dell’accoglienza e dell’ospitalità, ma anche dalle Pro Loco e dalle guide turistiche".
Per Sebastiano Tusa, sopraintendete del Mare, "il mare non è solo contenitore di natura ma anche di cultura. Visitare i relitti, i porti sommersi, le peschiere non è solo un’aggiunta all’offerta turistica, ma permette di far comprendere il ruolo marinaro, politico e culturale che la Sicilia ha svolto nei secoli".


Il Teatro antico di Taormino dipinto da Otto Friedrich Geleg

"L’arte e il teatro - ha affermato Daniele Tranchida, docente dell’Università di Messina - sono connaturati al carattere stesso della Sicilia. Oggi bisogna orientarsi verso iniziative culturali che mettano insieme le diverse forme d’arte come le esposizioni di arte contemporanea o le rassegne cinematografiche nei teatri antichi".
"Anche il prezioso patrimonio immateriale della Sicilia - ha aggiunto il docente di antropologia all’Università di Palermo, Ignazio Buttitta - tra cui rientrano a pieno titolo i riti e le feste religione, richiede forme innovative di valorizzazione ma che siano attente alla salvaguardia delle comunità e dei sentimenti delle comunità".


Il Teatro antico di Taormino dipinto da Louis François

Tutti gli interventi hanno passato in rassegna aspetti e problematiche diverse dei nuovi scenari del turismo culturale, puntando l’attenzione, soprattutto, sulla necessità di riconquistare una dimensione che è quella dei viaggiatori più che dei turisti, dei sognatori più che di consumatori, pronti a guardare la Sicilia con nuovi occhi. A chiudere i lavori, Fabio Granata, tra i fondatori di "Articolo 9. Siciliani per cultura", che nel suo intervento ha proposto di rilanciare un Grand Tour della Sicilia per nuovi viaggiatori.

16 gennaio 2018
Condividi:
ARREDO E SOLUZIONI PER RESIDENCE

ARREDO E SOLUZIONI PER RESIDENCE

Alberghi e ospitalità
proposto da Samod SRL
Mondello
CEFALU'
San Giacomo, Patrono di Caltagirone

San Giacomo, Patrono di Caltagirone

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

AUTUMN IN SICILY - ETNA

Aziende consigliate