Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Una protesta nella protesta. Allo Sciopero Generale, gli 85 dipendenti della Emmegi di Termini Imerese (PA)

Rischiano il posto di lavoro gli 85 dipendenti della fabbrica del gruppo Parmalat dove si producono i succhi Santal

Contenuti Sponsorizzati
Strisce Adesive rosse
JOST
Cupido in legno cuore

Allo Sciopero Generale di oggi, indetto dai sindacati di Cgil, Cisl e Uil contro la manovra economica varata dal governo Berlusconi, hanno aderito anche gli 85 dipendenti della Emmegi di Termini Imerese, la fabbrica del gruppo Parmalat dove si producono succhi freschi e concentrati di arance rosse siciliane poi commercializzate col marchio Santal.
All'inizio del settembre scorso gli impianti della Emmegi si era fermati per quattro mesi, stabilimento chiuso fino al 6 dicembre e cassa integrazione ordinaria a zero ore per tutti i dipendenti.

Un fermo reso necessario dall'esaurimento delle scorte in magazzino. Un motivo non nuovo per i lavoratori che già lo scorso 20 agosto erano stati raggiunti dalla cassa integrazione per un periodo di 13 settimane, e con una quota di dipendenti in servizio a orario ridotto per far fronte alla carenza di materia prima nei magazzini.
Al rientro i lavoratori erano stati messi in ferie.
Per quanto riguardava la prossima campagna agrumaria, che si dovrebbe aprire a gennaio, la Emmegi aveva preannunciato ai sindacati che l'obiettivo minimo sarebbe stato quello di acquisire almeno 5 mila vagoni di arance, pari a circa 5 milioni di chili, a fronte di una capacità produttiva degli impianti di oltre 9 milioni di chili.
Quattro milioni di chili in meno ma almeno la possibilità di lavorare

Ieri i lavoratori della Emmegi, hanno effettuato un sit-in di protesta davanti la sede del municipio di Termini Imerese. Sono preoccupati per il futuro dell'azienda e temono di restare senza lavoro.
I vertici aziendali nei giorni scorsi hanno, infatti, comunicato alle organizzazioni sindacali che, a causa dello scarso quantitativo di arance conferite allo stabilimento di Termini Imerese, si trovano nella impossibilità di intraprendere l'attività per la prossima campagna agrumaria 2004/2005. Questo comporterebbe la chiusura di fatto dello stabilimento con la conseguente probabile espulsione dal mondo del lavoro di tutti gli 85 attuali dipendenti.

''Attendiamo da settimane - ha dichiarato Renato Aiello, responsabile sindacale della Flai Cgil - che venga convocato il tavolo di crisi, istituito nei mesi scorsi, che non è stato mai riunito. Siamo seriamente preoccupati. Il nostro futuro è incerto e siamo intenzionati ad intraprendere qualsiasi iniziativa di lotta in difesa del nostro posto di lavoro.''

30 novembre 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Strisce Adesive rosse
JOST
Cupido in legno cuore
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Gift Card

Gift Card

Offerta valida
Promozione Vista/Sole
Promo 2° Occhiale

Promo 2° Occhiale

sempre attiva
Noleggio Breve Termine KYMKO PEOPLE 200GT
FOTO CERAMICHE

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE