Una sede sicura per il presidente del Consiglio. Villa Certosa non si guarda e non si tocca

La villa di Silvio Berlusconi a Porto Rotondo: ''una sede alternativa di massima sicurezza''

Niente ispezioni a Villa Certosa, come chiesto dalla procura della Repubblica di Tempio Pausania: il governo conferma il segreto di stato sulla residenza in Sardegna del presidente del consiglio Silvio Berlusconi, perché la villa è per il premier una "sede alternativa di massima sicurezza".
La conferma del segreto è stata comunicata al Parlamento l'atro ieri sera dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianni Letta, con un comunicato letto in aula da Casini. Nel testo si afferma che Berlusconi ha affidato a Letta tutte le decisioni in merito per "delicati profili di opportunità, legati alla circostanza che la questione attiene a provvedimenti concernenti misure per la protezione e sicurezza del presidente del consiglio dei ministri".
Confermato quindi il segreto che era stato posto nel corso del procedimento penale n. 2550/04 M.21, in relazione a due decreti di ispezione dei luoghi in questione emessi dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Tempio Pausania.

Ma vediamo fino a che punto arriva questo Governo per difendere il bene del Presidente...

E spuntò il comma ''Villa Certosa''
Via libera ai servizi segreti per i lavori edilizi alla villa sarda di Silvio Berlusconi a Portorotondo

di Gian Antonio Stella per il Corriere della Sera del 17 dicembre 2004

Nel mega-super-maxi-giga-emendamento alla Finanziaria su cui il governo ha messo la fiducia, tra un aiutino al calcio femminile, la celebrazione di Colombo e l'autofatturazione del tartufo, c'è un comma apparentemente imperscrutabile come un'incisione runica o il Disco di Festo. E dietro il quale, sorpresa, gli intenditori avrebbero scovato un ritocco che pare proprio ad personam: il via libera ai servizi segreti per i lavori edilizi alla Certosa, la villa sarda di Silvio Berlusconi. Cosa c'entra con la Finanziaria? Niente. Ma l'inserimento di cose ''eccentriche'' nella legge-base delle pubbliche casse non è una novità. Spiegò un giorno l'allora ministro del Tesoro Giuliano Amato che ''l'enfasi mitica che accompagna ha una spiegazione precisa: è l'unica legge ad approvazione certa da parte delle Camere. L'ultimo treno per Yuma. Dove chi non sale rischia di restare definitivamente a terra. Di qui le mille spinte per infilarci di tutto''. Dai soldi per il lago di Pergusa (''il lago di Proserpina!'') alla sagra del Polpo, dal carnevale di Putignano alla mozzarella doc, ''formaggio fresco a pasta filata prodotto con latte bufalino''. Lobby ricche e lobby straccione. Ruotavano personaggi mitici, intorno alle Finanziarie. Come Wilmo Ferrari, detto per l'irruenza ''Wilmo la clava''. O i protagonisti di memorabili nottate quale quella della scazzottata tra i diccì e il socialista Tommaso Mancia che, passato un comma imposto dallo scudocrociato per le terme in liquidazione, sbottò: ''Allora deve passare anche l'aumento dei fondi al Club alpino italiano''. ''Cos'è, un ricatto?''. ''No, ma se passa il vostro emendamento deve passare pure il nostro''. ''Che ti frega, il Cai è socialista?''. ''No, ma è giusto così''. ''Sono socialiste le Alpi?''. ''Guarda che vivo al mare''.

Niente di nuovo sotto il sole - Insomma, niente di nuovo sotto il sole. Come non è nuova, alla faccia delle promesse prima del centrosinistra e poi del centrodestra di rendere più semplice il linguaggio, la scelta di continuare piuttosto ricordando l'antico monito lasciato nel Settecento da Ludovico Muratori: ''Quante più parole si adopera in distendere una legge, tanto più scura essa può diventare''. Detto fatto, tra le 58.538 parole per un totale di 591 commi che compongono il megaemendamento fatto votare l'altro ieri dal governo, prendere o lasciare, si può leggere al punto 245 questo capolavoro a metà tra il sanscrito e il cifrario di Vernam: ''All'articolo 24, comma 6, della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni, dopo le parole: 'comma 1-bis' sono aggiunte le seguenti: e degli organismi di cui agli articoli 3, 4 e 6 della legge 24 ottobre 1977, n. 801, che sono disciplinati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, emanato su proposta del Comitato di cui all'articolo 2 della citata legge n. 801 del 1977, previa intesa con il Ministro dell'economia e delle finanze".
In pratica, spiegano gli specialisti, si tratta di un ''ritocco'', proposto inizialmente con l'emendamento 35.158 da due senatori azzurri, Aldo Scarabosio e Mario Francesco Ferrara, alla ''Merloni''. La legge voluta nel 1994 dall'allora premier Carlo Azeglio Ciampi e dal ministro dei Lavori pubblici Francesco Merloni per rendere trasparenti gli appalti pubblici, che avevano visto l'esplodere di scandali indimenticabili. Quale quello del costruttore Edoardo Longarini, che secondo la Corte dei conti era arrivato ad applicare per gli scavi sovrapprezzi del 156% (fondazione sotto i 2 metri), 258% (sbancamento) e addirittura 477 (fondazione da 0 a 2 metri) per cento. Diceva, dunque, la «Merloni» che per i lavori pubblici sono obbligatorie le gare europee, aperte e trasparenti, salvo rare e precise eccezioni.

''Rare e precise eccezioni'' - Dice la leggina fatta passare nel megaemendamento che, a quelle rare e precise eccezioni, vanno aggiunte quelle che toccano gli ''organismi di cui agli articoli 3, 4 e 6 della legge 24 ottobre 1977, n. 801'', vale a dire il Cesis, il Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza, il Sismi, cioè il Servizio Anfiteatro di Villa Certosainformazioni sicurezza militare, e il Sisde, cioè il Servizio per le informazioni e la sicurezza democratica. I quali, per quel che se ne sa, avevano già manifestato qualche insofferenza per la ''Merloni'' e hanno avuto a che fare negli ultimi tempi con vari lavori di edilizia pubblica (caserme, postazioni, infrastrutture varie...) ma uno solo nella proprietà privata di un cittadino, sia pure speciale: Villa Certosa a Portorotondo. Dove oltre alle cinque piscine della talassoterapia (costruite abusivamente, descritte, fotografate e pubblicate in un libro prima della firma delle licenze), al lifting di una cabina elettrica diventata un finto nuraghe con vetrate trasparenti sul mare che ''con un semplice scatto d'interruttore si polarizzano per garantire la massima privacy'' e all'anfiteatro che miracolosamente ottenne il via libera della Regione allora forzista addirittura 56 giorni prima che fosse presentata la domanda (wow!), è stato appunto scavato nella tutelatissima roccia il celeberrimo imbarcadero stile 007. Imbarcadero sul quale la magistratura di Tempio Pausania ha aperto un'inchiesta. Subito arginata, prima ancora di una contestatissima aggiustatina al decreto delega sull'ambiente e del comma di cui parliamo che potrebbe chiudere la faccenda, da due decreti varati ai primi di maggio da Pietro Lunardi e Beppe Pisanu, coi quali si dichiaravano tutti i lavori (non si è mai capito se era compreso, ad esempio, il ''capanno di cantiere riattato a bungalow per gli ospiti'' di cui scrive l'architetto) assolutamente top secret. Al punto che perfino i decreti, in mano agli avvocati del Cavaliere, vennero solo mostrati al Pm. Guardare e non toccare. Una scelta che destò perplessità. E qualche risatina: la mappa segretissima del posto, con tutti i dettagli comprese le altimetrie, era infatti pubblicata a pagina 232 del libro che della Certosa descrive le meraviglie.
Top secret all'italiana.

30 dicembre 2004
Condividi:
Pali / Paletti zincati per vigneti
Fustella Bottoni  Sizzlits

Fustella Bottoni Sizzlits

Attrezzi per taglio
19,55 €
FORNITURA E TRASPORTO INERTI ADRANO CALCESTRUZZI
STRYMON FLINT (TREMOLO + REVERB) SPEDIZIONE INCLUSA

STRYMON FLINT (TREMOLO + REVERB) SPEDIZIONE INCLUSA

Amplificatori per strumenti musicali
349,00 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

OSCURAMENTO VETRI AUTO

OSCURAMENTO VETRI AUTO

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
Carglass Cattolica Eraclea L’officina mobile per ogni evenienza! Per tutti i servizi Carglass Cattol
TURONE- PELLICOLE PER AUTO AGRIGENTO- PELLICOLA CARROZZERIA AUTO

TURONE- PELLICOLE PER AUTO AGRIGENTO- PELLICOLA CARROZZERIA AUTO

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
CIALDE BORBONE PALERMO E PROVINCIA

CIALDE BORBONE PALERMO E PROVINCIA

Depurazione e trattamento delle acque - impianti ed apparecchi
proposto da H2O
Promozione arreda la tua casa al prezzo di 5990

Aziende consigliate