Via libera alla privatizzazione di Fontanarossa

Via libera alla privatizzazione di Fontanarossa

L'assemblea dei soci Sac si indirizza sul "trade sale", ma secondo il ministro Toninelli la privatizzazione sarebbe un errore

Contenuti Sponsorizzati
IL GUSTO DI SICILIA
Offerta Pasqua 2019 presso Baia del Sole - Marina di Ragusa (Rg)
PASTA TREND 2010
Pochi giorni per SANA 2009 Bologna Fiere
Bed And Breakfast ad Augusta (SR)

L'assemblea dei soci Sac, la società che gestisce lo scalo internazionale di Fontanarossa, riunita con il Cda ha confermato l'intento di proseguire il processo di privatizzazione dell'aeroporto di Catania. Un percorso più volte illustrato su grandi linee, ma che oggi fa un passo avanti, con la scelta della modalità di cessione delle quote da parte dei soci.

Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa

Tra le varie possibilità esposte dall'ad Nico Torrisi è stata preferita quella del "trade sale": la cessione di una quota di maggioranza a un partner privato selezionato con procedura a evidenza pubblica.
Ipotesi, questa, vista favorevolmente da tutti i soci, previe le opportune verifiche ai fini di un approfondimento legislativo. L'avvio verso la privatizzazione è stato ufficialmente dato.

Danilo Toninelli, ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture

Secondo il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, che in questi giorni ha partecipato a Catania alla conferenza "Aeroporti e Aerei per la Sicilia", "per un aeroporto in crescita come quello di Catania, pensare ad una privatizzazione potrebbe essere un errore e dunque vigileremo al massimo".

Aeroporto Internazionale di Catania Fontanarossa

"L'aeroporto di Catania è in crescita e io penso che possa crescere molto di più, e allora perché vendere, e non dico svendere, ai privati quando ci sono molti i soggetti pubblici che possono avere utili di ritorno molto importanti? È questo quello che mi preoccupa - ha aggiunto - e in qualità di ministro delle Infrastrutture e Trasporti dico: vigiliamo, controlliamo, indirizziamo e chi viene a investire deve farlo con una prospettiva di medio-lungo termine, non può venire a monetizzare e poi andarsene. Deve creare occupazione e benessere. E io - ha annunciato - inciderò affinché nella concessione ci siano dei paletti chiari che si chiamano investimenti, che se non fai vieni revocato. Gli investitori devono realmente investire e qualora non lo facessero metteremo delle penali. Non regaliamo nulla a nessuno".

Passeggeri a Fontanarossa, Catania

Contrari ad una possibile privatizzazione di Fontanarossa anche il Codacons e l'Osservatorio indipendente sulla Camera di commercio del Sud Est Sicilia. "La privatizzazione degli scali aeroportuali - dicono - deve avvenire nel rispetto dell'interesse generale e sempre che risponda a un concreto bisogno finanziario. Va infatti scongiurata l'eventuale svendita delle partecipazioni pubbliche, specie se non ricorrono particolari esigenze di bilancio".

Aeroporto Fontanarossa di Catania

Secondo le due organizzazioni "bisogna evitare di anteporre interessi speculativi che possono porsi in contrasto col riaffermato principio ‘a tutela del patrimonio pubblico e del valore delle quote societarie pubbliche cui le pubbliche amministrazioni, devono conformarsi. Indicazione, questa, impressa dalla legge di bilancio nel chiaro fine di prevenire l'eventuale indiscriminata alienazione di quote a partecipazione pubblica e che le norme regionali non dovrebbero mancare di recepire".

27 marzo 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
IL GUSTO DI SICILIA
Offerta Pasqua 2019 presso Baia del Sole - Marina di Ragusa (Rg)
PASTA TREND 2010
Pochi giorni per SANA 2009 Bologna Fiere
Bed And Breakfast ad Augusta (SR)
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Aziende consigliate