''L'Arte dei muretti a secco'' Patrimonio Unesco

"L'Arte dei muretti a secco" Patrimonio Unesco

Uno dei primi esempi di manifattura umana nella lista del Patrimonio immateriale dell’Umanità

Muretti a secco nella campagna iblea, foto di Giorgio Leggio - Flickr.com, CC BY-SA 2.0

L'Unesco ha iscritto "L'Arte dei muretti a secco" nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell'umanità. Un’iscrizione conseguente alla candidatura presentata da Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, dalla Slovenia, Spagna e Svizzera.

Un muretto a secco nel ragusano

"L'arte del 'Dry stone walling' riguarda tutte le conoscenze collegate alla costruzione di strutture di pietra ammassando le pietre una sull'altra, non usando alcun altro elemento tranne, a volte, terra a secco", spiega l'Unesco nella motivazione del provvedimento.

Muretto a secco in un tipico paesaggio campestre siciliano

Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana ed è presente a vario titolo in quasi tutte le regioni italiane, sia per fini abitativi che per scopi collegati all'agricoltura, in particolare per i terrazzamenti necessari alle coltivazioni in zone particolarmente scoscese.

Muretti a secco in un vigneto di Donnafugata a Pantelleria - ph Fabio Gambina

"Le strutture a secco sono sempre fatte in perfetta armonia con l'ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura. La pratica viene trasmessa principalmente attraverso l'applicazione pratica adattata alle particolari condizioni di ogni luogo" in cui viene utilizzata, spiega ancora l'Unesco.

Muro a secco che costeggia un ulivo secolare

I muri a secco, sottolinea l'organizzazione, "svolgono un ruolo vitale nella prevenzione delle slavine, delle alluvioni, delle valanghe, nel combattere l'erosione e la desertificazione delle terre, migliorando la biodiversità e creando le migliori condizioni microclimatiche per l'agricoltura".

Muretti a secco di pietra lavica in un terrazzamento di vigne alle pendici dell'Etna

Nei secoli, l’Arte dei Muretti a secco in Sicilia hanno caratterizzato interi paesaggi, infondendo a questi una vera e propria peculiare identità. Nei territori etnei, ad esempio, i muretti di pietra lavica sottolineano i terrazzamenti dei ricchi vigneti che produrranno l'Etna DOC

Una Piramide etnea

O evidenziano i limiti di un terreno ergendosi come misteriose piramidi (le "turrette", cumuli di blocchi di roccia vulcanica, impilati a secco durante i lavori di aratura e sistemazione dei terreni per le coltivazioni) realizzate nei territori di Linguaglossa, Piedimonte Etneo, Randazzo e nella Valle dell’Alcantara.

I muretti a secco che circondano il Castello di Donnafugata

E cosa sarebbe la Campagna Iblea senza le bianche trame dei muretti a secco che delimitano i confini delle proprietà? Realizzati con la classica pietra calcarea ragusana, i muretti - che circondano anche la base del celebre Castello di Donnafugata - sono uno dei tratti distintivi della parte SuEst della Sicilia.

Giardino Pantesco

Non possiamo, infine, dimenticare l'eccellente espressione dell'Arte dei muretti a secco che si può osservare a Pantelleria, nei muretti nati dall’ingegno dei contadini per ovviare all'evidente dislivello del terreno e per costruire quelle meraviglie architettoniche che si chiamano Giardini Panteschi.

30 novembre 2018
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate