Caldo e giochi all'aperto: attenzione all’idratazione dei più aperta

Caldo e giochi all'aperto: attenzione all’idratazione dei più aperta

Bambini sudati dopo aver giocato: i consigli dell'Osservatorio Sanpellegrino per la loro corretta idratazione

Quale periodo migliore di quello estivo per un bambino per correre e giocare all'aria aperta? L'estate rappresenta per i più piccoli il momento dello stacco dalla scuola, delle giornate al mare, dei giochi all'aperto, ma è anche la stagione in cui, a causa del caldo e dell'afa, i genitori devono prestare particolare attenzione al loro benessere e alla loro idratazione soprattutto nei momenti in cui fanno sport oppure in quelli di gioco intenso.
"I benefici che un bambino, e non solo, può trarre dallo sport e, in generale, dai giochi all'aria aperta sono moltissimi. L'attività fisica aiuta a rendere il fisico più forte, a tenere il peso sotto controllo, a scaricare le energie ed è importante anche affinché i più piccoli imparino a socializzare. In corrispondenza di questi momenti è importante monitorare alcuni aspetti della loro salute che sono fondamentali per preservarne il benessere psico-fisico, soprattutto nella stagione calda - commenta il Dottor Alessandro Zanasi, esperto dell'Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation - L'aumento della sudorazione conseguente al caldo e alla pratica sportiva o al gioco intenso, produce infatti una perdita di liquidi e sali minerali che se non reintegrati possono minare l'equilibrio idrico dell'organismo, con effetti sul corpo che variano a seconda del livello di disidratazione raggiunto".

Le alte temperature della stagione estiva e la maggiore tendenza a giocare e praticare sport all'aperto possono quindi contribuire ad accrescere il fabbisogno di acqua giornaliero, tenendo inoltre presente che i bambini hanno un senso della sete meno sviluppato rispetto agli adulti e tendono a bere acqua raramente e solo quando sono molto assetati.
In generale per i bambini (7-10 anni) i pediatri suggeriscono1, come per gli adulti, di bere almeno 8 bicchieri d'acqua al giorno, con riferimento ad un bicchiere "a loro misura" (150 ml). In caso di attività sportiva o anche solo di giochi e occupazioni che portano il bambino a sudare più del solito e quindi a perdere una maggiore quantità di acqua, si consiglia ai genitori di controllare che i loro figli non bevano solo dopo aver giocato, ma anche prima e nel corso dell'attività. Nella stagione calda, basta una partita a beach volley o un pomeriggio trascorso a correre tra scivoli e altalene per aumentare il fabbisogno di acqua.

Riguardo la tipologia di acqua da preferire è necessario controllare i parametri riportati nell'etichetta, tra cui il contenuto di alcuni componenti quali sodio, potassio, calcio, fluoro, ferro, magnesio e bicarbonato1.
"In età infantile sono preferibili acque a basso contenuto di sali minerali, con bassa concentrazione di sodio e con limitato livello di nitrati. È infatti emerso da diversi studi che il sodio, quando assunto in determinate quantità nei primi anni di vita, può aumentare il rischio di sviluppare ipertensione cardiovascolare da adulti, mentre i nitrati, la cui concentrazione non dovrebbe superare i 10mg/l favoriscono la produzione di metaemoglobina, proteina che si differenzia dall'emoglobina per il differente stato di ossidazione del ferro e che risulta tossica per l'organismo. - precisa il Dottor Zanasi - A differenza delle acque consigliate per l'infanzia, per bambini e adolescenti si consigliano acque con maggior contenuto di sali minerali, come le oligo e le mediominerali. Tra queste le bicarbonato-calciche, ricche di calcio e con una buona mineralizzazione, sono le più indicate nella fase di crescita".

1 Decalogo SIPPS, Società italiana di Pediatria Preventiva e sociale, "Acqua in età pediatrica, le 10 cose da sapere". Il documento è disponibile sul sito https://www.hydrationlab.it/osservatorio 

2 agosto 2017
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate