Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Essere mamme oggi: com'è cambiato il concetto di maternità?

Consigli alle mamme che si sentono "cattive" per colpa del Mom Shaming

Essere mamme oggi: com'è cambiato il concetto di maternità?
Contenuti Sponsorizzati
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Ogni donna ha il diritto di scegliere il proprio modo di essere madre, sempre mantenendo amore, cura e protezione verso i propri figli. E invece… "Ma non allatti?", "Sei uscita con tuo marito e hai lasciato i bambini con la babysitter?", "Come puoi vestire tuo figlio in questo modo?", "Hai ricominciato a lavorare così presto?".

Perché molte mamme si sentono in diritto di giudicare altre mamme? È un problema di competizione femminile? Dipende dai social network oppure è un fenomeno che è sempre esistito?

Più indipendenti e più emancipate come donne, più giudicate come madri. La psicologa Rossella Valdrè di Guidapsicologi.it ci racconta cosa significa essere madre nel XXI secolo e com’è cambiato il concetto di maternità oggi.

In cosa consiste il Mom Shaming? Che tipo di madre è solita essere vittima di questi attacchi?

In cosa consiste il Mom Shaming? Che tipo di madre è solita essere vittima di questi attacchi?

  • Hai bisogno di un supporto psicologico? Trova gli specialisti più vicini a te - CLICCA QUI

"Il Mom shaming è un fenomeno, diffuso oggi in tutto il mondo ma a mio parere più spiccato nei Paesi Occidentali, di pressione sociale sulla madre, di critiche maligne sul suo modo di allevare il figlio, che la porta a vergognarsi (shaming) di essere tale", spiega la dott.sa Rossella Valdrè.

"Spesso il tipo di madre vittima di questi attacchi - continua la dott.sa Valdrè - può essere una donna famosa o invidiata, e dunque la critica rientra nel generico tentativo di distruggerne l'autostima e l'immagine. Ma può capitare a qualunque donna, che abbia la sventura di avere attorno a sé una cerchia familiare insensibile e non empatica, o un vicinato invidioso, colleghe malevole, un ambiente sociale ipocrita e ipercritico".

Ognuna ha diritto di scegliere come essere madre. Ma com'è cambiata la maternità negli ultimi anni?

Ognuna ha diritto di scegliere come essere madre. Ma com'è cambiata la maternità negli ultimi anni?

  • Stai cercando articoli per neonati e bambini? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

"Certo, ognuna ha diritto di scegliere come essere madre, all’interno della propria consapevolezza. La maternità è certamente cambiata così come la coppia e la famiglia, la donna può scegliere quando avere un figlio e si è assistito ad un allungamento dei tempi prima di avere il primo figlio, soprattutto per le donne laureate. I padri sono oggi più presenti nella cura del bambino, le giovani madri spesso tornano al lavoro (ma purtroppo spesso no), quindi molte cose sono cambiate".

"Sul piano profondo, però - puntualizza la dottoressa Valdrè - sappiamo che i comportamenti degli esseri umani sono lenti a cambiare. Sul piano profondo la donna è ancora troppo spesso oggetto di ingiustificati sensi di colpa riguardo alla maternità, tutto quello che fa le sembra sbagliato, ed è su questo che punta il Mom shaming. Ma nessuna maternità, nessuna cosa umana è perfetta, né lo deve essere; una mamma deve poter sbagliare".

Perché molte madri si sentono in diritto di giudicare le altre madri?

Perché molte madri si sentono in diritto di giudicare le altre madri?

  • Stai cercando abbigliamento per neomamme e per neonati? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

"Può darsi che il Mom Shaming sia sempre esistito e affondi le sue radici in problematiche anche inconsce di invidia e rivalità (su chi è migliore, più brava, più capace), ma certo la vetrina offerta dai social network dove tutto è esposto lo ha esasperato, come avviene per il corpo".

"Credo che risenta di una certa influenza sociale - continua la dott.sa Valdrè -, ossia, sia più frequente in ambienti alto borghesi o altolocati e tra i vip, dove appunto i figli sono pochi, molto esposti a mò di trofeo, e da essi la donna fa dipendere il suo valore [...] Inoltre, è possibile che molte madri si sentano in diritto di giudicare altre madri, per proiettare la loro inconscia insicurezza, così il discorso diventa: 'non sono io che non vado bene, sei tu'".

Come sopravvivere al Mom Shaming. Consigli per "cattive mamme".

Come sopravvivere al Mom Shaming. Consigli per "cattive mamme".

"Intanto, non sentirsi affatto "cattive" e cercare di ignorare assolutamente queste maldicenze, anche a costo di rompere qualche rapporto. Inoltre, come detto prima, tornare a comportamenti più riservati, fare meno uso dei social che sono spesso la bomba di innesco delle critiche. La maternità è fatto intimo, e tale deve restare. Ciò non vuol dire isolarsi, ma chiedere l’appoggio delle persone care e del marito, che devono aiutare la donna a non sprofondare in vissuti depressivi o di vergogna. Direi, insomma, che una buona stima di sé, la consapevolezza di sè, limitare o eliminare l’uso dei social per esporre la maternità sono le migliori armi contro il Mom shaming" conclude la dott.sa Rossella Valdrè.

7 maggio 2021
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE