Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

In 48 ore si può fare un viaggio e vedere il meglio della storia e della cultura mediterranea?

Se venite a Palermo si può, grazie all'itinerario messo a punto da Lonely Planet

In 48 ore si può fare un viaggio e vedere il meglio della storia e della cultura mediterranea?
Contenuti Sponsorizzati
Alloggio e prima colazione
Vino Rosso / Jacques / Syrah / Maenza Vini
Riso Carnise biologico / Conf. da 1 Kg. / Camadial Sicilia
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Avendo a disposizione una pausa di 48 ore, è possibile fare un viaggio nel quale riuscire a vedere il meglio della storia e della cultura mediterranea? La risposta è sì, organizzando bene una visita a Palermo.

Palermo - Foto di Mauro Reem-Itchy
Foto di Mauro Reem-Itchy

Vi assicuriamo che la nostra perentoria affermazione non è frutto di gretto campanilismo, ma una vera e propria formula di viaggio ideata da Lonely Planet, la celebre guida turistica, riconosciuta a livello internazionale e perennemente di tendenza.
Si chiama "Lonely Planet 48 ore a…" e consente di realizzare una visita perfetta in soli due giorni, mettendo a punto, prima di partire, un itinerario dettagliato perché "se non si può vedere tutto non bisogna perdersi il meglio".

  • Vuoi soggiornare a Palermo? Scopri le strutture ricettive della città - CLICCA QUI

Ed ecco come la celebre guida descrive il capoluogo siciliano: arte, cultura, tesori Unesco, musei innovativi, progetti sociali, sport, vita balneare, street food e buona cucina. Qualunque sia il vostro approccio al turismo e per quanto vari possano essere i vostri interessi, Palermo, come per magia, saprà tirare fuori dal cilindro una carta vincente.

Ecco quindi l'itinerario palermitano proposto da Lonely Planet...

PRIMO GIORNO

  • Vuoi conoscere Palermo? Trova le guide turistiche cittadine - CLICCA QUI

Il primo giorno parte dal centro del centro: ia seicentesco incrocio dei Quattro Canti, dove convergono i quattro quartieri storici (detti, appunto, "canti"). Pochi passi a sud-est Piazza Pretoria, per proseguire verso l'adiacente Piazza Bellini e leggere negli edifici che vi si affacciano un compendio storico-architettonico della città, che parte dagli sparuti resti delle mura puniche per arrivare all'ottocentesco Teatro Bellini. Quindi sosta golosa al Monastero di Santa Caterina d'Alessandria, che nasconde a lato del suo magnifico chiostro maiolicato la pasticceria I Segreti del Chiostro.

  • Scopri la cucina tipica di Palermo: trova il ristoranti e il locali della città - CLICCA QUI

Oltre Via Maqueda, il mercato di Ballarò è l'erede del suq che già occupava queste strade sotto la dominazione araba e in qualche modo ne evoca ancora le atmosfere. Procedendo verso ovest vi addentrerete nell'anima multietnica del quartiere. Ed ecco Moltivolti, ristorante di cucina internazionale e spazio per il coworking, ma anche un'impresa impegnata nel sociale il cui motto è "la mia terra è dove poggio i miei piedi".

Daisinni - Foto © Lonely Planet
Daisinni - Foto © Lonely Planet

  • Vuoi conoscere le migliori pasticcerie di Palermo? CLICCA QUI

Rimettetevi in cammino alla scoperta di un trionfale simbolo del multiculturalismo della città: la Cappella Palatina, all'interno del Palazzo dei Normanni. Lasciatevi alle spalle il centro storico valicando Porta Nuova per scoprire una vivace borgata che è tanto cambiata negli ultimi anni da essere un segreto persino per molti palermitani: Danisinni che oggi accoglie i viaggiatori in una fattoria urbana incastonata fra casette, dove si può gustare l'autentica cucina casereccia in home restaurant, sperimentare l'ospitalità dell'ostello sociale (chi vi pernotta può partecipare attivamente alla vita della borgata) o assistere a uno spettacolo di circo nello Chapiteau e godersi un break in un contesto rurale proprio al centro della città.

Il castello della Zisa

  • Vuoi conoscere i Bed & Breakfast di Palermo? CLICCA QUI

Da Danisinni una scalinata sale verso la Zisa, la "splendida" (questo il significato del nome di origine araba), una fortezza impenetrabile e una dimora delle favole per lo svago dei sovrani normanni. A breve distanza Palermo sfoggia l'anima dinamica delle sue periferie nei Cantieri Culturali alla Zisa, ex complesso industriale che oggi nei suoi giganteschi padiglioni produce cultura e socializzazione anziché mobili e vagoni ferroviari.

Cantieri Culturali alla Zisa

Potete fermarvi a cena al Cre.Zi. Plus, uno spazio di ristorazione con funzioni ibride, alcune legate all'inclusione sociale e chiudere qui la vostra prima giornata, oppure tornare verso il centro per omaggiare il Teatro Massimo, un simbolo della rinascita culturale della città, e per curiosare fra i tanti locali che ne animano i vicoletti.

SECONDO GIORNO

Il golfo di Mondello

La seconda giornata, dal blu di Mondello e al verde della Favorita, inizia proprio dalla borgata marinara. Dopo che vi sarete rinvigoriti con un bagno mattutino, è il momento di un'immersione nella natura nel Parco della Favorita, che con i suoi quasi 400 ettari di estensione è il polmone verde di Palermo.

La Cala - Foto © Lonely Planet

  • Hai una struttura ricettiva a Palermo che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Riconquistato il centro città, fate rotta verso il porticciolo turistico della Cala. Godetevi la passeggiata dall'antico Castello a Mare fino alla Chiesa di Santa Maria della Catena. Spostatevi verso Piazza Marina, la cui star indiscussa è il mastodontico Ficus macrophylla, l'albero più grande d'Europa. La tappa successiva è Palazzo Butera, una casa-museo di nuova concezione dove vivrete un'esperienza dell'arte emotiva e immersiva e potrete scoprire la collezione privata di Francesca e Massimo Valsecchi.

Porticciolo di Sant'Erasmo

Quindi dirigetevi verso sud, con una piccola deviazione dal mare, per cedere alla malìa della Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, dal quale si può osservare l'immensità del cielo di Palermo.
Tornate quindi sul lungomare e passeggiate fino al molo del Borgo Sant'Erasmo. Qui potrete chiudere la vostra 48 ore, alla trattoria Molo Sant'Erasmo, una tonnara abbandonata trasformata in un luminoso ristorante in cui concedersi un pasto a base di pesce con vista sul Mediterraneo.

- Palermo è il posto più stupendo del mondo (Guidasicilia)

29 giugno 2021
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Alloggio e prima colazione
Vino Rosso / Jacques / Syrah / Maenza Vini
Riso Carnise biologico / Conf. da 1 Kg. / Camadial Sicilia
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE