Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Per il World Pasta Day vi offriamo un viaggio nella cucina siciliana

Per il World Pasta Day vi offriamo un viaggio nella cucina siciliana

5 ricette per 5 città, per celebrare il piatto più amato della tradizione culinaria italiana

Contenuti Sponsorizzati
Presepe dei Cappuccini
Caltagirone città della ceramica
VETRINA BIBITE U5 KRYO 42 EVO

VETRINA BIBITE U5 KRYO 42 EVO

765,00 € 1.020,00 €
APL CEFALU'
Top in acciao inox ETNAINOX srl
Macinapane
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Al ragù, asciutta, col brodo, in bianco, col pesto, all'uovo, di grani antichi, ripiena, trafilata al bronzo e tirata al mattarello. La pasta è legata all'identità degli italiani come poche altre cose al mondo ed è considerata uno dei comfort food per eccellenza e uno dei piatti più goderecci della nostra tradizione culinaria.

In occasione del World Pasta Day di oggi, Guidasicilia vi suggerisce alcune ricette da provare assolutamente, per riscoprire le tradizioni siciliane e onorare questo capolavoro della tavola. Buon appetito!

Pasta con le sarde - Palermo

Pasta con le sarde - Palermo

  • Vuoi conoscere i migliori pastifici siciliani? CLICCA QUI

Ricetta simbolo per i festeggiamenti palermitani di San Giuseppe - festività molto sentita in tutta la Sicilia - è a pasta chi saiddi, la pasta con le sarde. Un piatto assai povero ma gustosissimo, basti pensare, infatti, che le sarde, nella loro stagione, si trovano ad un prezzo bassissimo, così come gli altri ingredienti che lo compongono.

La pasta con le sarde è anche un "piatto di disputa", che sostanzialmente si consuma tra due fronti cromatici: quello della pasta con le sarde "bianca" e quello della pasta con le sarde "rossa". Bisogna specificare che, per entrambe le "declinazioni coloristiche", gli ingredienti sono sostanzialmente uguali: sarde fresche, finocchietto selvatico, pinoli e uva passa (pignola e passolina), cipolla, zafferano (per la bianca). A tutto ciò, se si aggiunge concentrato di pomodoro (astrattu) si ottiene la versione rossa. Tipo di pasta: bucatini o spaghettoni. E infine, pangrattato tostato (muddica atturrata).

Pasta 'ncasciata - Messina

Pasta 'ncasciata - Messina

  • Vuoi fare la pasta in casa e ti serve una buona farina? Trova il negozio più vicino a te - CLICCA QUI

Trionfo di culinaria vastasaria (ossia, ineducazione, che nell'accezione sicula non sempre ha significato negativo), la pasta 'ncasciata è un grande classico della cucina messinese ed è una pasta al forno che si contraddistingue per il suo ricco condimento.

Resa famosa da Andrea Camilleri con il suo Commissario Montalbano di cui ne è ghiottto, la ricetta tradizionale della pasta 'ncasciata prevede l'utilizzo delle maniche di maccheroncino o di sedani rigati, e per condimento: ragù di carnemelanzana (rigorosamente fritta), caciocavallo, uova sode e prosciutto cotto, o salame a dadini. Il passaggio in forno compatterà l'arsenale di ingredienti portando l'opera al suo "vastaso" compimento.

Pasta alla Norma - Catania

Pasta alla Norma - Catania

  • Vuoi assaggiare un buonissimo piatto di pasta? CLICCA QUI

Il nome di questo piatto tipico di Catania è un omaggio al cittadino etneo più celebre, Vincenzo Bellini e alla sua opera "Norma", appunto. Uno dei primi piatti più noti e amati della cucina siciliana, la pasta alla Norma è un vero trionfo di sapori e di semplicità, grazie all'unione di pochi ingredienti che si sposano alla perfezione: melanzane, salsa di pomodoro e ricotta salata.

Per gustare al meglio questo piatto vi consigliamo di raccogliere in ogni forchettata un po' di pasta (solitamente maccheroni), la ricotta salata (a scaglie, abbondante) il sugo di pomodoro (fatto in casa!) e un pezzetto di melanzana (assolutamente fritta, a fette o a cubetti). In bocca si scatenerà una sinfonia!

Minestra di San Giuseppe - Agrigento

Minestra di San Giuseppe - Agrigento

  • Vuoi conoscere le migliori aziende agricole della Sicilia? CLICCA QUI

Con questo piatto si va nell'Agrigentino e si torna a parlare dei festeggiamenti per il Santo falegname che vengono celebrati in numerose località dell'Isola con la preparazione di speciali pani votivi, tavolate per i poveri, minestre rituali con le verdure di stagione. Sono celebrazioni antiche, eredità dei festeggiamenti pagani per l'equinozio di Primavera e dei riti propiziatori per una stagione agricola abbondante.
Le minestre di San Giuseppe, diffuse soprattutto nei centri rurali, sono numerose e differenti tra loro, anche se rimane comune la base di verdure di stagione e legumi. 

A Ribera, Favara e in altri comuni in provincia di Agrigento, seppur la ricetta a volte cambia persino da un quartiere all'altro dello stesso paese, in linea di massima gli ingredienti rimangono gli stessi, generalmente materie prime del territorio, povere ma gustosissime che vengono cucinate tutte insieme: fagioli secchi, lenticchie, fave, piselli, finocchio selvatico e verdure miste locali (broccoli, sparacelli, bietole). La tipologia di pasta non è determinante per la riuscita del piatto, l'importante è che sia pasta corta. 

Le busiate col pesto alla trapanese - Trapani

Le busiate col pesto alla trapanese - Trapani

  • Vuoi assaggiare un primo piatto tipico della tradizione siciliana? Trova le trattorie nelle zone di tuo interesse - CLICCA QUI

Tipiche della ventosa provincia del Sale sono le busiate, un tipo di maccheroni dalla forma allungata ed elicoidale che si sposa benissimo con il pesto alla trapanese.

Sono due le ipotesi toponomastiche che vorrebbero spiegare il significato del termine "busiate": secondo la prima, il nome di questo formato di pasta sarebbe riconducibile al "buso", un particolare ferro da maglia che era solitamente utilizzato per lavorare tessuti come la lana e il cotone. La seconda ipotesi, invece, spiega il termine con il riferimento alla busa, inteso come fusto dell'"Ampelodesmos mauritanicus", ovvero della "disa", una graminacea tipica della macchia mediterranea che i contadini utilizzavano anticamente per legare i fasci di spighe.

Per quanto riguarda il condimento, il pesto alla trapanese risente dell'influenza genovese che attraverso i traffici commerciali portò l'aglio, alla base del trito, sulle coste siciliane. Il pesto si completa aggiungendo mandorle, pomodori, basilico e olio extravergine d'oliva.

23 ottobre 2020
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Presepe dei Cappuccini
Caltagirone città della ceramica
VETRINA BIBITE U5 KRYO 42 EVO

VETRINA BIBITE U5 KRYO 42 EVO

765,00 € 1.020,00 €
APL CEFALU'
Top in acciao inox ETNAINOX srl
Macinapane
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE