Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Tributo al capone, re di fine estate

Tributo al capone, re di fine estate

Il pesce povero e buonissimo che in Sicilia vanta una lunghissima tradizione

Contenuti Sponsorizzati
Pesche siciliane
Impastatrice a spirale DOMINO MAG 80
Copia di IMPASTATRICE A SPIRALE 25 KG A 2 VELOCITA' SIGMA TAURO 25 2V
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Arriva in questi periodi sui banchi delle pescherie uno dei pesci più comuni e gustosi dei nostri mari, il Capone (noto altrove con il vero nome di Lampuga Gallinella di mare), che in Sicilia vanta una lunghissima tradizione gastronomica.

Proprio uno dei piatti siciliani più celebri e diffusi, la caponata, nasce nella notte dei tempi per conservare in alto mare i tranci di pesce capone - le cui carni hanno un sapore deciso - senza che questi andassero a male.

Caponi sul banco del mercato

  • Stai cercando una pescheria? Trova quella più vicina a te - CLICCA QUI

Infatti, la caponata suggerisce una delle ricette migliori per assaporare questo delizioso re dei mari di fine estate: dopo averlo fatto eviscerare e tagliare in pezzi (se volete potrete farlo a filetti, ma occorre grande attenzione perché diventa fragile), cucinate il capone in una agghiotta identica alla classica caponata (melenzane fritte, olive bianche, sedano, capperi e salsa di pomodoro).

Farete prima rosolare i tranci in un soffritto di cipolla, sfumandoli con poco vino bianco, e dopo dieci minuti potrete aggiungere il resto degli ingredienti. Altri dieci minuti di cottura e avrete ottenuto una delle delizie scomparse della cucina siciliana.

Un piatto così richiede un vino bianco potente e di bella struttura, come un Catarratto in purezza.

Capone al forno

  • Stai cercando pesci freschi e surgelati? Trova il punto vendita più vicino a te - CLICCA QUI

Altra ricetta classica del capone è la frittura, con i tranci ben cosparsi di farina di semola, sale e pepe immersi nell'olio caldo e scolati quando ben dorati.

Oppure, per chi ama il gusto di mare deciso e non teme i (salutari) grassi del pesce, adagiate il capone intero su un letto di sale grosso e ricopritelo con altro sale, e infornate nel forno caldissimo per venti minuti.

Anche in questo caso un bel bianco dalle spalle forti sarà di aiuto.

25 agosto 2020
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Pesche siciliane
Impastatrice a spirale DOMINO MAG 80
Copia di IMPASTATRICE A SPIRALE 25 KG A 2 VELOCITA' SIGMA TAURO 25 2V
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le rubriche

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE